Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Solve et Coagula - Pagina 18





Capitolo 2 - parte 6


«Intanto che io mi preparo voi fate quello che volete» disse Luisa ai suoi due ospiti «avete cucina e soggiorno a vostra completa disposizione».
«Giulia conosce tutto di questa casa» aggiunse rivolta a Fabrizio.
«Quasi tutto, per la verità» obiettò Giulia «vedi quella porta laggiù in fondo al corridoio accanto all’ingresso?».
«Sì, certo che la vedo» replicò lui.
Giulia a quel punto prima rise, poi modulò la sua voce su un tono di mistero: «Bene. Quella è la stanza della mummia egizia».
«Non capisco».
«Non c’è proprio niente da capire, Fabrizio» sospirò Luisa «quella è la stanza che do in affitto e attualmente ci vive Alessandra, che ovviamente non è una mummia».
«Hai ragione, le mummie sono più espressive» commentò Giulia, poi continuò in tono più serio «in ogni caso quella stanza è tabu almeno quanto la tomba di Tutankhamen. E questo vale per tutti, compresa la qui presente padrona di casa. Non è forse vero, Lulù? Secondo me dovresti deciderti a far valere i tuoi diritti».
«Ne abbiamo già parlato, Giulia. Lo decido io cosa fare della mia casa e a me va bene così» ribatté Luisa in tono conclusivo.

Uscirono all’aperto circa mezzora dopo e Giulia guidò i loro passi per alcuni metri fino alla sua auto.
«Siete venuti qui con la tua macchina?» chiese stupita Luisa.
«Già» replicò l’amica «Fabrizio non guida e si sposta con i mezzi pubblici. Troppo scomodi per i miei gusti».
Il ragazzo annui e sorrise, ma il suo imbarazzo era fin troppo evidente. Luisa gli elargì così a sua volta un sorriso rassicurante. almeno nelle intenzioni. Tradotto in parole, avrebbe suonato più o meno così: Tranquillo amico, va tutto bene, mica è un delitto non avere la patente. Poi questi sono vezzi da artista, si sa…
A seconda del traffico, aggiunse Giulia, avrebbero impiegato tra i quindici e i venti minuti per raggiungere l’abitazione del loro nuovo amico, all’estrema periferia di Firenze.
Salirono quindi sull’auto e Luisa fu categorica nel volersi sedere dietro, lasciando a Fabrizio il posto di fianco al guidatore. Aveva intanto avuto modo di notare, già in quei pochi minuti che avevano trascorso tutti insieme, che per quanto fosse timido, Fabrizio si comportava in realtà in modo piuttosto disinvolto con Giulia. Almeno se lo paragonava al modo con cui si comportava con lei. Possibile, si chiese, che poche ore di conoscenza in più potessero fare tutta quella differenza? Per un po’ la cosa la lasciò stupita, poi ebbe un’intuizione e ritenne possibile che quanto accaduto tra loro la sera della conferenza, il famoso episodio dell’Imperatore e dell’Imperatrice, potesse in realtà avere segnato molto più lui di quanto non avesse fatto con lei. Continuando nella sua riflessione, immaginò che Fabrizio potesse avere una certa fede nel potere magico dei Tarocchi e dovesse perciò stare vivendo nei suoi confronti, nei confronti cioè della sua potenziale Imperatrice, un sentimento ambivalente formato da un lato da una forte attrazione e dall’altro da ogni genere di paure.

(Il dedalo delle storie, 13 settembre 2013)

>> pagina 19

Commenti

  1. Letto anche questo. Bella la sottolineatura sul diverso atteggiamento dell'Imperatore nei confronti delle due ragazze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche in questo caso però ci sarà un'evoluzione nei rapporti tra i tre vertici del triangolo.

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia

Il meme sull'autobiobibliografia - post di aggiornamento

Vikings S03 E07-10: La presa di Parigi