Post

Questo sito utilizza cookie di Google e di altri provider per erogare servizi e analizzare il traffico. Il tuo indirizzo IP e il tuo agente utente sono condivisi con Google per le metriche su prestazioni e sicurezza, per la qualità del servizio, generare statistiche e rilevare e contrastare abusi. Navigando nel blog accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Che cosa sono le nuvole? - Incantesimi cinemusicali /11

Immagine
Questo undicesimo Incantesimo cinemusicale, che segue di circa un anno il precedente, va a completare la mia partecipazione al meme (o tag), da me scoperto a casa di Miki Moz, sui nostri Bellissimi coetanei (i dieci film preferiti del nostro anno di nascita), che nel mio caso ho però presentato in una versione diluita che va dal 1960 al 1968. Approfitto così dell'occasione per un riepilogo dei dieci film da me chiamati in causa nei tre post in cui ho suddiviso il meme: Il villaggio dei dannati (Village of the Damned, UK, 1960)Atlantide continente perduto (Atlantis: The Lost Continent, USA, 1961)Hallucination (The Damned, UK, 1962)Giovani prede (Mikres Afrodites, Grecia, 1963)Il giovedì (Italia, 1964)La decima vittima (Italia/Francia, 1965)Andrej Rublëv (CCCP, 1966)Operazione diabolica (Seconds, USA, 1966)Io sono curiosa (Jag är nyfiken - en film i gult, Svezia, 1967)Capriccio all'Italiana (Italia, 1968)
Ma se una parte di questi film rientra effettivamente nella categoria dei m…

Bellissimi coetanei: I miei dieci film degli anni '60 (meme cinematografico) /3

Immagine
Se la Parte II del mio percorso in questo meme (o tag), da me conosciuto grazie al blogger Miki Moz e al suo post Bellissimi coetanei (i miei dieci film preferiti del 1983), era caratterizzata nella sua prima metà dal fumetto classico, in questa terza la fa da padrone, nella seconda metà del post, il fumetto nero italiano. Protagonisti, i famigerati personaggi con la "k" nel nome, all'inizio (Kriminal, Killing), nel mezzo (Zakimort) o alla fine (Diabolik, Satanik).
Vi ricordo soltanto, ancora una volta, prima di passare ai film in elenco, che questa versione del meme è quella da me riadattata, nei modi e per le ragioni che ho spiegato nelle righe che introducono la prima parte dell'elenco, mentre per la versione originale vi rimando al link in alto al blog Moz O'Clock.

Bellissimi coetanei Parte III: 1967-68
1967 - Io sono curiosa (Jag är nyfiken - en film i gult) di Vilgot Sjöman Paese di produzione: Svezia; durata: 2h 01min; genere: Drammatico, Erotico, Documentar…

Bellissimi coetanei: I miei dieci film degli anni '60 (meme cinematografico) /2

Immagine
Vi presento oggi la seconda parte dell'elenco di film con cui rispondo al meme (o tag), da me scoperto sul blog di Miki Moz. Il mio post è comunque strutturato in modo diverso dal suo Bellissimi coetanei (i miei dieci film preferiti del 1983), come si evince anche dai rispettivi titoli. Il perché l'ho spiegato nell'introduzione alla Parte I: 1960-64.

Bellissimi coetanei Parte II: 1965-66
1965 - La decima vittima di Elio Petri Paese di produzione: Italia, Francia; durata: 1h 32min; genere: Azione, Fantascienza; colore.
Dico subito che questo film è tutt'altro che uno dei miei "bellissimi", e che anzi, a dirla tutta, è talmente pieno di difetti che ne salvo ben poco. Che ci fa dunque in questo elenco? La risposta è che quando ho consultato il mio foglio excel che raccoglie tutti i film che ho in cineteca, mi sono accorto che questo titolo è l'unico relativo all'anno 1965 insieme a Alphaville di Jean-Luc Godard. E poiché anche il film di Godard, al di là …

Bellissimi coetanei: I miei dieci film degli anni '60 (meme cinematografico) /1

Immagine
A onor del vero, non avevo in programma di pubblicare altro in questo mese di giugno dopo l'impegnativa trilogia Mitchell-Mingus, ma, si sa, l'imprevisto è sempre in agguato e ha preso stavolta le sembianze di un meme cinematografico, per me irresistibile, lanciato dal blog Gramonhill nel post Dieci bellissimi coetanei (I miei 10 film preferiti del 1987) ma da me scoperto sul Moz'O'Clock di Miki Moz. Sebbene, a dirla tutta, neanche in questa occasione, come in molte altre, io sia riuscito a mantenermi granché fedele alla proposta originale. Miki, infatti, nel suo post [CINEMA] bellissimi coetanei (i miei dieci film preferiti del 1983) ha elencato dieci film tutti distribuiti nelle sale nel suo anno di nascita, il 1983, mentre io, che come ho scritto in un mio commento al suo post, non saprei neanche da che parte cominciare a trovare dieci bellissimi veramente miei coetanei, ho scelto di produrre, in alternativa, un elenco di dieci film distribuiti lungo l'arco del d…

Sguardi sul futuro: Picnic at Hanging Rock Reloaded

Immagine
Prossimamente su questo blog.



Perché? Perché se è vero che everything begins and ends at exactly the right time and place (Picnic at Hanging Rock, p.132) è altrettanto vero che... It is happening now. As it has been happening ever since Edith Horton ran stumbling and screaming towards the plain. As it will go on happening until the end of time (Chapter Eighteen, incipit).

When Charlie speaks of Lester... - I quaranta anni di "Mingus" /3 (Finale)

Immagine
Charles Mingus parlava criticamente degli Americani, che con la loro cultura della Coca Cola non riuscivano a capire la statura intellettuale, il modo di vivere e pensare di popoli che hanno una storia di millenni... Cercavo di capire, di seguirlo in quel suo modo tipico di parlare, troppo chiuso per le mie orecchie poco use a quel linguaggio e a una serie di argomentazioni complesse portate avanti una dopo l'altra, che dall'estrema Asia al Mediterraneo, passando attraverso l'India e i paesi arabi, l'Egitto, toccava temi quali la religione, la vita, la politica, la musica di queste regioni... Isio Saba, fotografo e pioniere del jazz in Italia

Ho terminato il post precedente scrivendo che avrei parlato del "metodo  operativo" di Pachita, ma con la precisazione che non sarebbe stato attraverso le descrizioni offerte nei suoi libri da Alejandro Jodorowsky, suo assistente per vari anni. Preferisco rivolgermi, allo scopo, all'opera di Carlos Castaneda, che nel…

When Charlie speaks of Lester... - I quaranta anni di "Mingus" /2

Immagine
Charles Mingus odiava le limitazioni. Odiava le categorie. Jazz, classica, rock, folk... per lui non significavano nulla, erano solo delle restrizioni espressive. Sue Graham Mingus

* * *

L'esempio più bello, anche se non si tratta di un documento di natura jazzistica, è quello attuato dalla cantautrice canadese Joni Mitchell, artista famosissima che non ha certo operato in cerca di popolarità, che ha costruito uno splendido album dal titolo semplice e significativo: Mingus. All'interno di queste tracce sonore c'è tutta l'essenza della filosofia di Mingus: esprimere soprattutto se stessi. E infatti, questo è un album della cantante canadese, e non si distacca minimamente dai suoi lavori precedenti; eppure, il profumo di Mingus sembra colmargli le narici oltre che l'anima: quel sapore acro e amaro, dolce e fantasioso del grande contrabbassista sembra trasportato implicitamente nella personale espressione di Joni Mitchell, attuando proprio quel lavoro di "ispirazio…