Post

Questo sito utilizza cookie di Google e di altri provider per erogare servizi e analizzare il traffico. Il tuo indirizzo IP e il tuo agente utente sono condivisi con Google per le metriche su prestazioni e sicurezza, per la qualità del servizio, generare statistiche e rilevare e contrastare abusi. Navigando nel blog accetti l'uso dei cookie e il trattamento dati secondo il GDPR. Per maggiori dettagli leggere l'Informativa estesa.

Picnic at Hanging Rock Reloaded: Oltre la Roccia /3

Immagine
Link ai precedenti post dello Speciale: 1. Primavera, tempo di Picnic 2. Calendario delle pubblicazioni 3. Le ragioni di uno Speciale 4. Oltre la Roccia /1 5. Oltre la Roccia /2 Riprendo ora dalla citazione con cui ho aperto il post precedente, riportandone però solo la parte finale: "...ma per me ogni cosa è accaduta. Per me è stato tutto assolutamente reale". Sbaglierò, ma questo "per me" ripetuto due volte mi sembra proprio rinviare a una concezione della scrittura condivisa a vario titolo da altri autori. Per fare due esempi illustri,  Marcel Proust  situava la vita letteraria a un livello di realtà più alto rispetto alla vita ordinaria (cioè, detto in termini "tecnici", più vicino alla polarità essenziale), mentre  Henry Miller  ebbe a dire della sua unica opera totalmente di fantasia,  Il sorriso ai piedi della scala  (1958): “Questa è la sola storia vera che io abbia raccontato fino adesso”. Nulla di strano quindi che la storia di  Picnic a Hanging

Picnic at Hanging Rock Reloaded: Oltre la Roccia /2

Immagine
Link ai precedenti post dello Speciale: 1. Primavera, tempo di Picnic 2. Calendario delle pubblicazioni 3. Le ragioni di uno Speciale 4. Oltre la Roccia /1 Posso dire che per me non c’è molta differenza tra fatti e fantasia. Qualcosa è accaduto e qualcosa no, ma per me ogni cosa è accaduta. Per me è stato tutto assolutamente reale.* La citazione sopra riportata proviene dalla voce di Joan Lindsay, autrice del romanzo  Picnic a Hanging Rock  e sembra chiarire almeno una parte del "mistero". "Qualcosa è accaduto e qualcosa no". Ma cosa di preciso è accaduto? Un punto che salta all'occhio è che se si accosta la convinzione di  Janelle Mc Culloch  - che l'elemento di verità del romanzo è costituito dall'assassinio e l'occultamento di due ragazze a Hanging Rock avvenuto alla fine dell'800, da parte di due uomini di cui lei (su imbeccata di un suo compagno di investigazioni) avrebbe anche rinvenuto l'identità - all'aneddoto da lei riportato de

Picnic at Hanging Rock Reloaded: Oltre la Roccia /1

Immagine
Link ai precedenti post dello Speciale: 1. Primavera, tempo di Picnic 2. Calendario delle pubblicazioni 3. Le ragioni di uno Speciale Non importa quanto spesso la vicenda sia stata demistificata, il suo fantasma sopravvive come leggenda metropolitana, con tutta l’apparenza di un vero cold case. Il mistero sopravvive nella domanda ineludibile: “È successo davvero?”. Chris Conti* Il 2017 può essere a ragione considerato una sorta di “anno del risveglio” per quel vero e proprio fenomeno culturale, multiforme e inestinguibile, che risponde al nome di  Picnic at Hanging Rock . E’ l’anno in cui viene annunciato l’imminente arrivo della serie tv omonima, ed è l’anno dell’uscita di Beyond the Rock: The Life of Joan Lindsay and the Mystery of Picnic at Hanging Rock , un libro della giornalista  Janelle McCulloch che è in primo luogo una biografia dell'autrice del romanzo e, più marginalmente, un tentativo, l’ennesimo, di risolvere il “mistero delle ragazze scomparse”. All'uscita di qu

Picnic at Hanging Rock Reloaded: Le ragioni di uno Speciale

Immagine
Lo Speciale che inizia quest'oggi e che occuperà quasi l'intero mese di maggio è il risultato di un'indigestione. Indigestione di letture e visioni, da me fruite successivamente alla miniserie di post che pubblicai poco dopo l'apertura del blog con il titolo The Secret of Hanging Rock , lo stesso titolo cioè con cui fu dato alle stampe, nel 1987, il capitolo XVIII , a suo tempo escluso dalla versione finale del libro. Proprio il capitolo XVIII era infatti il soggetto principale di quell'antica miniserie in quattro parti, anche riproposta poi, in forma di articolo intitolato Percorrendo i Sentieri del Sogno , sul numero 5 della (ahimè scomparsa) rivista Terre di Confine . Ma Picnic a Hanging Rock ha anche punteggiato la vita di questo blog in generale, apparendo citato nelle sue versioni cinematografica e televisiva all'interno di vari altri post, sia come loro oggetto principale che come elemento secondario. Ecco un elenco dei principali di questi post in ordin

Picnic at Hanging Rock Reloaded - Il Calendario delle Pubblicazioni

Immagine
Sette post  completati e con la data di pubblicazione già assegnata e cinque post (tra cui un probabile guest post ) ancora in lavorazione. E' questo lo stato delle cose dello Speciale Picnic aggiornato a questo ultimo giorno di aprile. E devo dire che, tutto sommato, coincide in larga misura con le mie attese. Mi sto comunque sia trovando a gestire una situazione molto simile a quello dello Speciale su De Sade di un po' di tempo fa: una serie di post, in questo caso "Oltre la Roccia", che si prolunga al di là delle previsioni iniziali (quattro post) e rischia di rubare spazio al seguito, così che mi ritrovo, come successo appunto con De Sade, con il rischio di dover ricorrere a una extension per completare il discorso. Ma anche se andasse così, non credo che sarà a giugno; al limite, il prossimo autunno, con un eventuale secondo Speciale sul Picnic. Fino ad allora siete solo invitati a presenziare qui il 3 maggio, data d'inizio di questa mia nuova avventura (

Primavera, tempo di Picnic

Immagine
  Poco meno di tre anni fa, il 19 aprile 2018, mettevo in pausa la serie di post intitolata Il Regno di ERB: The Greatest Adventure , dopo quattro post incentrati sulla figura del personaggio di Jason Gridley e sulla teoria della terra cava all'interno dell'universo narrativo di Edgar Rice Burroughs. Nulla di nuovo sotto il sole , dirà chi mi segue da anni e sa bene che da me può aspettarsi interruzioni del genere, data la totale anarchia che da sempre caratterizza il mio fare blogging. Non so quanto sia invece chiara, a chi mi segue, la contropartita di tutto ciò, risultato dello stesso anarchismo imperante: che con la stessa facilità con cui metto in ibernazione una serie, posso anche richiamarla alla vita dopo anni e riprendere da dove ero rimasto, come è successo appunto con  The Greatest Adventure , da me resuscitata questo marzo e portata a termine, nel giro di un mesetto, con altri cinque post. Per il risveglio di altre belle addormentate ci sarà tuttavia da aspettare un

Il regno di ERB - The Greatest Adventure /9: Capitolo finale

Immagine
  Se lo scenario marziano di  The Greatest Adventure riempie ben tre dei nove albi della miniserie, quello venusiano si risolve invece in appena tre pagine. Giusto il tempo di caricare sul Resolve della nuova tecnologia atomica (una specialità del posto)  a rimpiazzare quella distrutta da Jason Gridley , di mostrare uno scorcio del pianeta così come Edgar Rice Burroughs lo aveva immaginato al di sotto dei perenni strati di nuvole che ne avvolgono la superficie, e di far entrare in scena, oltre agli uomini-uccello, o Angan , un ultimo personaggio fondamentale della saga, che può solo essere, a questo punto, Carson Napier , altrimenti conosciuto come  Carson di Venere . Ex terrestre, ma ora abitante di  Vepaja , una delle isole che affiorano sulla superficie acquatica del pianeta Venere ( Amtor , nella lingua nativa), Carson Napier risiede, a fianco della bellissima principessa  Duare , in un palazzo della capitale arborea dell'isola, quasi interamente ricoperta da una foresta di a