Post

Questo sito utilizza cookie di Google e di altri provider per erogare servizi e analizzare il traffico. Il tuo indirizzo IP e il tuo agente utente sono condivisi con Google per le metriche su prestazioni e sicurezza, per la qualità del servizio, generare statistiche e rilevare e contrastare abusi. Navigando nel blog accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

The Studio Section Six - 1976-79: Gli anni di The Studio /10

Immagine
Quel libro cambiò la mia vita. Non c'è davvero modo di descrivere le emozioni da cui ero attraversato mentre guardavo le opere di quei quattro tipi in quel periodo della mia esistenza. E' una delle sensazioni più esaltanti e confortanti che abbia mai provato. E non sono il solo. Se chiedi a molti degli artisti della mia generazione, quel libro ha rappresentato per le loro vite un evento seminale.George Pratt, a proposito del volume The Studio
Nessuno di noi aveva mai lavorato con qualcun altro vicino e ci servì un po’ di tempo per farci l’abitudine. Mi servirono otto mesi per poter riprendere a lavorare davvero; a Michael ne servirono sei. Barry ha sempre dipinto poco qui. Solo Berni si sentiva abbastanza a suo agio da disegnare come d’abitudine. In realtà, neanche adesso riusciamo a lavorare quando ci sono gli altri...Jeff Jones, a proposito della situazione allo Studio

Già intorno alla metà del 1978, dopo appena un paio di anni la sua nascita, The Studio manifesta evidenti cen…

The Studio Section Three - Berni Wrightson /11

Immagine
Nota introduttiva: La Section Six di The Studio è ormai vicina al suo epilogo. Ancora uno, al massimo due post, e potrò dichiararla conclusa. Nel frattempo tuttavia, mentre mi muovevo all'interno di quel periodo ibrido per i nostri quattro artisti che si situa grossomodo tra la primavera del 1974 e la primavera del 1976, sono nate in me delle piccole storie che chiedono ora a gran voce di essere raccontate. Ho deciso di esaudire almeno due di queste richieste, con un paio di post extra: il primo, che state leggendo, dedicato a Bernie Wrightson, il secondo, che leggerete presto, a Barry Smith. E poiché né l'uno né l'altro dei due post ha la caratteristica dell'intermezzo, o si situa bene nel contesto della Section Six, ho optato alla fine per la diretta prosecuzione delle Sezioni iniziali dedicate ai due artisti, la Section Three per Wrightson e la Section One per Smith, finora costituite rispettivamente di 10 e 5 post. Non ho idea se si tratti di una tantum o se la cos…