Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Solve et Coagula - Pagina 142





Parte seconda - Capitolo 1 /14


Era rimasta fuori forse la domanda principe, la più decisiva: In che cosa e perché lei stava cercando di coinvolgerlo? Ma a trattenere Massimo dal porla c’era la quasi certezza che non avrebbe ottenuto risposte convincenti. Nessuna di quelle che aveva ascoltato finora lo era fino in fondo. Avevano sì una loro logica, ma del tipo più contorto. Decise così di ripiegare, per il momento, su una domanda dall'apparenza più innocua.
«Perché la tua casa è in vendita?».
Il nuovo sorriso malizioso che affiorò sul volto di Paula sembrò smentire subito i calcoli di Massimo. Forse era troppo sospettoso, ma neanche quella domanda sembrava destinata a evocare quella risposta limpida che aveva sperato.
«Questa non è la mia casa, ma quella di mio padre, che è venuto a mancare alcuni mesi fa» replicò la donna in tutta calma. «Pensavi davvero che trascorressi la mia vita nell’oscurità, come un vampiro?».
In effetti Massimo era arrivato a pensarlo, ma non disse nulla.
«La mia casa si trova fuori paese» continuò lei, «e non è così facile da raggiungere se non si conosce la strada. Inoltre in questo momento è agibile solo in parte. Lavori in corso. Non mi andava di farti fare tutta quella strada per farti ritrovare in mezzo alla polvere e all’odore di vernice».
«Capisco» replicò Massimo, che cominciò a chiedersi se l’intenzione di Paula non fosse per caso quella di fargli passare lì la notte, mentre lei la avrebbe con ogni probabilità trascorsa nella parte agibile del suo alloggio. Era stato in realtà attraversato a più riprese, negli ultimi minuti, dall’immagine di una notte passata al suo fianco, in un letto a due piazze, e non riuscì a evitarsi di provare un po’ di delusione. Ma tanto valeva, già che erano entrati nel discorso, venire subito al punto.
«Immagino tu sappia consigliarmi un posto dove passare la notte qui in paese. Un ostello o qualcosa del genere».
Paula sorrise di nuovo, ancor più ammiccante di prima, e Massimo si sentì suo malgrado rianimato nella sua speranza. Ma tutto quello che lei fece fu di indicare la sagoma nera dello zaino posato a terra, nell’ombra profonda della stanza vicino all’ingresso, e chiedergli se quello fosse tutto il suo bagaglio.
«È tutto lì» le confermò lui. «Buona parte di quello che avevo portato con me è andato perduto, per le ragioni che sai».
Lei annuì compiaciuta. «Molto bene. Anche a me piace viaggiare leggera».
«Però non hai risposto alla mia domanda» Massimo la rimproverò blandamente, sebbene fosse anche curioso del possibile senso racchiuso in quel misterioso riferimento all’ingombro del suo bagaglio.
«Hai ragione, scusami. Rimedio subito. Il posto dove dormirai stanotte è la cuccetta di un vagone-letto».
«Che significa?» protestò lui allarmato. «Dopo avermi fatto venire fin qua, vuoi rispedirmi subito via?».
Ma la ragazza stavolta invece di rispondere, sollevò il braccio sinistro e controllò il suo orologio da polso.
«Abbiamo abbastanza tempo per una cenetta. Ma non preoccuparti, andremo in un posto alla buona e vai più che bene vestito così. Poi questa sera, da Cambridge» aggiunse con finta noncuranza – e a Massimo sembrò che l’occhio sinistro della donna avesse ripreso all’improvviso a convogliare più luce dell’altro, «prenderemo un treno per Londra, e poi ancora uno per Dover. Io adoro viaggiare nelle ore notturne. E tu?».


Commenti

  1. Anche a me piace viaggiare durante la notte. Dunque si va a Dover... :P Un faro, c'entrerà qualcosa???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho dei bei ricordi di viaggi notturni in treno, Glò, soprattutto di uno in Germania.
      E sì, si va anche a Dover, ma non solo... ;D

      Elimina
  2. Ma povero Massimo! Lui che si aspettava una serata tranquilla e diversamente piacevole viene sballottato chissà dove! Io avrei detto che non mi piace viaggiare di notte! 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è che il nostro abbia poi molte opzioni a disposizione, Annalisa. O così, o... forse peggio!

      Elimina
  3. Ciao Ivano, a momenti mi perdo la puntata...
    Capisco che la curiosità sia troppo forte, che comunque Paula abbia un forte carisma su Massimo ma forse non bisognerebbe darle retta. :)))

    ps perchè non riesco a condividere su g+? Mi compare un triangolino rosso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patricia! La volontà di Massimo è chiaramente intorpidita e le sue possibilità di azione e reazione abbastanza limitate.

      Il problema del triangolino rosso credo sia dovuto al passaggio dal vecchio al nuovo G+. L'ho incontrato anch'io a volte ma si è sempre risolto da sé dopo poco tempo.

      Elimina
  4. Caspita, questa donna promette bene... farà girare Massimo come una trottola, temo. Intanto comincia con la trasferta su treno. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, qui siamo proprio davanti al tema classico della femme fatale ;-)

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia

Il meme sull'autobiobibliografia - post di aggiornamento

Vikings S03 E07-10: La presa di Parigi