Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Il meme sull'autobiobibliografia - post di aggiornamento



Visto che questo è il primo meme nato sul mio blog, ho deciso di creare un post, da aggiornare ogni volta che serve, con la lista dei blogger che hanno scelto di aderire al mio invito. Al momento in cui scrivo queste righe (21 settembre, ore 12) ho contato tre liste, ma sembra proprio che ce ne siano altre in arrivo. La cosa mi fa molto piacere e ringrazio tutti, anche chi ha dimostrato solo dell'interesse o semplice curiosità.  

Confesso tuttavia, senza nulla togliere all'impegno profuso, che mi aspettavo più sorprese. La rivelazione di chissà quali indicibili segreti sepolti dall'età, forse divenuti nascosti perfino agli occhi di chi a suo tempo li ha vissuti. Nessuno dei partecipanti per ora dimostra di possedere o aver posseduto insane e divoranti passioni, tipo quelle che, facendo l'esempio del sottoscritto, possono portare uno ad abbeverarsi alle storie di Lady Lust, versione al femminile e ampiamente rivisitata dello 007 di Fleming, o alle avventure di Angelica o Tarzan. Ma non ho perso la speranza. Il confessionale è ancora aperto... e pubblico!

Ecco l'elenco aggiornato dei partecipanti, in ordine cronologico di pubblicazione della lista, con link al relativo post (in arancione):


Nota: Chiedo a chi dei partecipanti non trovasse il proprio nome tra quelli in elenco, di segnalarmelo per favore nel sottostante spazio dei commenti. 

* * *

L'immagine che accompagna il post è un ritaglio della copertina di The Books in my Life di Henry Miller.

Commenti

  1. A breve arriverà anche la mia, spero di riuscire a stilarla presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Terrò d'occhio il tuo blog ;)

      Elimina
  2. Di me un vergognoso segreto uscirà fuori: nel mio passato c'è stata una fase di romanzi rosa :D
    Sono circa a metà, in settimana dovrei pubblicare anche io la mia lista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me sono fasi molto importanti. E in certi casi il vero marchio della nostra individualità ;)

      Elimina
  3. Beh, nel mio caso se ne parla a metà ottobre, ma penso che qualche sorpresina arriverà. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti su di te avevo più di un sospetto. Ahaha!

      Elimina
  4. Ciao Ivano,
    che sorpresa volevi? Volei sentirti dire che lessi Liala? :P)
    Ebbene sì, lo confesso, la lessi ma tanti tanti tanti secoli fa... e sinceramente non mi segnò granchè.
    Se mi viene in mente di aver dimenticato però... ti aggiorno!!!! ahhahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patricia! Non ho detto che volevo, ho detto che mi aspettavo. Poi va bene quello che esce, ci mancherebbe altro ^_-

      Elimina
    2. Ivano, scherzavo!
      E' che se non leggevo sopra del periodo rosa di Maria Teresa nemmeno mi ricordavo di Liala, sai...
      ok! Son passati secoli ma è anche segno che non hanno lasciato .... segno... :)))

      Elimina
    3. Potrebbero non aver lasciato segno, Patricia, ma anche essere scese troppo in profondità. Questa lista è intesa più come risultato di un lavoro sul proprio inconscio che sulla parte cosciente. Per esempio: mi sono ricordato che quando avevo tredici anni leggevo Liala. Cosa succede se rievoco i ricordi e le sensazioni legate a quelle letture? In me si risveglia qualcosa o no? Sta a ciascuno di noi decidere se la risposta è si o no.

      Elimina
    4. Il fatto è che ci ho pensato, Ivano. Non provo niente al pensiero di averli letti. Me ne ricordo forse uno molto a grandi linee perchè era il più moderno. Basta!
      Ecco forse ricordo che all'epoca mi ero divertita ma nulla di più. Per questo dico che non devono aver lasciato segno,

      Elimina
  5. Vorrei ma non so se riesco anche perché ci sarebbero molte ripetizioni in fatto di autori, ma di sicuro ci sarebbe spazio anche per Opus Pistorum di Miller che fu fondamentale nella mia formazione adolescenziale. :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa intendi dire con troppe ripetizioni in fatto di autori? Se di alcuni autori hai letto molti libri e ti sembrano tutte letture significative puoi usare il metodo che ho usato io, ma anche MIller: "Tutte le opere". Poi è evidente che si tratterà dell'80 o 90% delle opere se non proprio del 100%.
      Degli autori che ho inserito io con la dicitura "Tutte le opere" il vero 100% c'è l'ho per esempio con Castaneda e Rimbaud, mentre con Pynchon sono rimasto indietro di un paio di libri. Lo stesso con Nietzsche, mi mancano ancora due opere da leggere: Aurora e Umano troppo umano.

      Elimina
    2. Nel senso che dovrei mettere almeno tre, quattro libri per autore.
      Per esempio essendo King il mio primo amore, mi viene difficile operare solo una scelta, perché nella sua bibliografia ci sono almeno tre, quattro opere fondamentali che mi hanno formato ed avvicinato alla letteratura.
      E come King ci sono Bradbury, Gaiman e Ammaniti per cui provo la medesima cosa.

      Elimina
    3. E perché no? In fondo cento libri lo permettono. Anch'io a un certo punto ho elencato tre libri di Hillman.

      Elimina
  6. Mmm... cioè, I promessi sposi ti son sembrati roba normale??? :O XD
    E significativa è stata la seconda lettura, fatta senza obblighi scolastici ;)
    Da ragazzina leggevo prevalentemente i classici :P Niente sorprese, insomma :D
    Anzi, ho iniziato a sperimentare molto di più, soltanto recentemente!
    Grazie per aver ideato il meme ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha! Volevo smuovere un po' le acque... ^^
      I promessi sposi li ho letti anch'io di mia spontanea volontà, però ritorno di essermi fermato a pochi capitoli dalla fine. E non è neanche che mi dispiacesse. Sono stato attratto da altre letture e non li ho mai più ripresi in mano.
      Grazie a te per aver partecipato :)))

      Elimina
  7. Ci sto provando ma è terribilmente complicato. Cento libri sono davvero tanti.... vale anche una lista di cinquanta? Grazie comunque per questo riassunto.. leggere i post degli altri aiuta a ricordare titoli che,, così sui due piedi, non vengono in mente (anche se il fatto che non vengano in mente dovrebbe automaticamente escluderli, no?).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, probabilmente è come dici. Devo dire che per ora tra le liste altrui non ho trovato nessun libro letto che io abbia inavvertitamente dimenticato di inserire. Quindi se non vengono in mente è probabile che davvero non debbano esserci.

      50? Se pensi che sia il limite assoluto per te, perché no? Comunque io mi ero bloccato intorno ai 90 titoli, poi ricominciando a indagare dopo una notte di pausa, sono usciti fuori anche gli altri 10.

      Elimina
  8. Risposte
    1. Sì, mi ricordo bene del nostro scambio di commenti al post precedente ;)

      Elimina
  9. Bella idea, bella la partecipazione.
    Scrivevo su questo "effetto domino". Piacevolissimo quando ci si unisce nel concorrere a raccontare qualcosa di sé attraverso un percorso, e questo è stato un percorso ideale. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie delle parole, Luz. Mi fa molto piacere leggerle :))

      Elimina
  10. Difficile fare una lista. A parte l'esordio di bambino che mi ha visto affrontare i classici della narrativa per ragazzi, partendo da Verne, Dumas, Salgari, Molnàr, Rodari, ecc... e lì tutti mi hanno in qualche modo segnato, poi il percorso è stato caotico e suscettibile degli stati d'animo (ahimè nel mezzo dovrei mettere oltre ai romanzi anche i saggi storici... che barba eh?). Difficile fare una classifica. però l'iniziativa è bella. Per ora mi godo il tutto da osservatore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno degli scopi del meme è quello di creare un certo ordine proprio a partire dal caos. Inoltre, anche nella mia lista e in quella di Miller sono presenti vari saggi, quindi perché non includere saggi storici? O magari scientifici?

      Elimina
  11. Non so se potrei farlo. Non sono certo cento, i libri che davvero ritengo importanti per me. Alcuni poi sono imbarazzanti, dovrei probabilmente raccontare un sacco di balle o tenere la lista per me...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I titoli imbarazzanti penso siano i più rivelatori... per quanto mi riguarda, non ho fatto censure ;-)
      Riguardo al numero la questione è molto soggettiva. Credo che per alcuni possano rivelarsi addirittura pochi.

      Elimina
  12. Bellissima idea! Non ho potuto fare a meno di partecipare! :) http://ichliebelibri.it/autobiobibliografia-i-70-libri-di-giulia/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per l'apprezzamento e la partecipazione, Giulia. Come puoi vedere, sei già stata arruolata nella soprastante lista ;)

      Elimina
  13. Ci sono anch'io, ci sono anch'io!
    Ho solo dovuto mettere in piedi un blog per poter partecipare a questo meme! ;)
    http://www.webnauta.it/wordpress/autobibliografia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Urk, detto così mi fai quasi sentire in colpa. Spero che l'esperienza di blogger si stia comunque rivelando piacevole.
      Corro a leggere!

      Elimina
    2. No, era per chiarire come mai arrivo così tardi al meme. Si, direi che per ora tenere un blog è interessante, nonostante la fatica!

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks

Insieme Raccontiamo 17: Omaggio a Malpertuis

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia