Questo sito utilizza cookie di Google e di altri provider per erogare servizi e analizzare il traffico. Il tuo indirizzo IP e il tuo agente utente sono condivisi con Google per le metriche su prestazioni e sicurezza, per la qualità del servizio, generare statistiche e rilevare e contrastare abusi. Navigando nel blog accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Solve et Coagula - Pagina 76





Capitolo 6 - parte 12


Luisa dopo pranzo si distese sul letto. Sarebbe scivolata più che volentieri nel sonno, ma dormire nei pomeriggi non era mai stato il suo forte, non importava quanto fosse esausta.
Se almeno fosse riuscita a liberarsi della tensione che la attanagliava, ma la giudicava una possibilità ancora più remota del riuscire ad addormentarsi, mentre tendeva l’orecchio a ogni possibile rumore, in attesa di cogliere quello dei passi di Alessandra. Eppure una parte di lei sapeva, o immaginava di sapere, che Alessandra non si sarebbe fatta viva e che sarebbe toccato a lei prima o poi alzarsi dal letto e bussare alla sua porta. Quello che sarebbe successo dopo, però, non riusciva a immaginarlo.
Lo squillo improvviso del telefono di casa, la fece sobbalzare.
Giulia?, si chiese mentre si affrettava a raggiungere il soggiorno.
Ma si trattava di suo padre, che la invitava a pranzo da lui per l'indomani.
Luisa in quel momento non era per niente sicura che fosse quella la cosa che avrebbe voluto fare il giorno dopo, ma per quanto cercasse dentro di sé, non riusciva a trovare nessun motivo valido per opporre un rifiuto. Inoltre si era proposta di rimediare al più presto al loro mancato incontro di quella mattina.
“Va bene, verrò”.
“Ok, allora ti aspetto domani”.
Non c’era molto altro da aggiungere, dal momento che si sarebbero visti meno di ventiquattrore dopo, e si salutarono.
L'immagine di suo padre non la lasciò però altrettanto in fretta, e la mente di Luisa tornò spontaneamente indietro nel tempo. Ripensò, con un sorriso, al modo in cui lui l'aveva fatta in barba a tutti, operatori dei servizi sociali compresi, indossando per anni i panni del perfetto padre di famiglia. Come un vero Clark Kent. Cioè, non che non fosse stato veramente un buon padre di famiglia, ma aveva coltivato allo stesso tempo qualcosa che poteva definirsi una seconda vita. O, meglio ancora, una doppia personalità.
Per quello la stanza di Luisa si era trasformata con il tempo, a cominciare dal momento in cui aveva cominciato a vivere da sola – lei era stata l'ultima a lasciare l’appartamento, dopo che l'avevano già fatto, in tempi diversi, sua madre e suo fratello – in un bazar che raccoglieva vecchi fumetti, libri di fantascienza e file dopo file di dischi in vinile e di compact disc.
Mentre in precedenza suo padre aveva mantenuto per lungo tempo una "stanza segreta" dove tenere tutte quelle cose, in un appartamento di cui condivideva le spese di affitto e manutenzione con dei vecchi amici. E aveva fatto tutto così bene, con una tale accortezza, da riuscire a non far comparire il suo nome in un solo pezzo di carta che avesse un pur minimo valore legale. Difficile pensare che altrimenti l’avrebbe spuntata con l'affidamento dei figli, se la cosa fosse venuta allo scoperto.
Il giorno in cui poi lui si decise a rivelarle, finalmente, l’esistenza della stanza segreta, Luisa era diventata maggiorenne da poco. Le disse che aveva una sorpresa per lei, aggiungendo, ma solo per porre un freno alla sua curiosità: “Ti sono sempre piaciute le sorprese, no?”. Lei aveva annuito, e lo aveva seguito senza fare altre domande.


Commenti

  1. Sempre un infinito piacere il leggerti e una delusione vedere la parola fine ad ogni tua storia che in realtà una fine non la possiede mai..
    Un abbraccio serale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E per forza Cara Nella... mica son racconti autoconclusivi! La storia continua, continua, continua...
      Grazie mille come sempre per le belle parole. Un abbraccio a te :)

      Elimina
  2. Amo sia le stanze segrete che i passaggi segreti.
    Toh, con i commenti alla tua blog novel ho avuto accesso all'Olimpo dei magnifici 7.! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra l'altro è ispirata a una stanza realmente esistita, di un mio vecchio amico.

      Elimina

Posta un commento

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Gli utenti possono eliminare i commenti che hanno inserito. A una eliminazione definitiva provvederà direttamente l'amministratore del sito nel minor tempo possibile. Gli estremi dell'account saranno memorizzati per facilitare commenti successivi.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Vikings S03 E07-10: La presa di Parigi

Non ho dimenticato... Alessandro Momo (parte 1 di 2)

Non ho dimenticato... Alessandro Momo (parte 2 di 2)

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks