Questo sito utilizza cookie di Google e di altri provider per erogare servizi e analizzare il traffico. Il tuo indirizzo IP e il tuo agente utente sono condivisi con Google per le metriche su prestazioni e sicurezza, per la qualità del servizio, generare statistiche e rilevare e contrastare abusi. Navigando nel blog accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Solve et Coagula - Pagina 61





Capitolo 5 - parte 10


Applausi e colpi di tosse dovevano essere circoscritti alle pause tra un brano e l’altro, mentre era obbligatorio che i cellulari rimanessero spenti per tutto il tempo. Dopodiché, esaurito il suo ruolo, l’uomo scese dal palco e si sedette su una sedia in prossimità dell’ingresso principale.
Seguirono altri secondi di immobilità e di silenzio, che furono finalmente interrotti dall’ingresso, tra gli applausi, delle tre musiciste. La prima a entrare fu la pianista, poi fu il turno di Alessandra e per finire entrò la clarinettista. Un ingresso laterale, seminascosto da una tenda, permise loro di accedere direttamente al palco senza dover costeggiare le file del pubblico.
Tutte e tre indossavano abiti lunghi da sera di colore scuro che lasciavano loro scoperte le spalle e ciascuna emanava, in modo diverso dalle altre, un’abbondante dose di fascino. Ma l’effetto che ebbe su Luisa la vista di Alessandra fu addirittura soverchiante. Immaginò che dovette essersi sentita più o meno così Metanira, la regina di Eleusi, quando vide per la prima volta la dea Demetra nel suo vero aspetto.
Risposero agli applausi con un accenno di inchino, poi sedettero, in un frusciare di chiffon, ai rispettivi posti. Alessandra si sedette sulla sedia di sinistra ma con tutta la sua figura leggermente orientata a destra così che offrì di sé a Luisa una visione di tre quarti. In nessun caso avrebbe tuttavia rischiato di scomparire dietro il suo strumento come Luisa aveva immaginato potesse succedere. Seguì ancora un breve solenne momento di immobilità e di silenzio, poi attaccarono tutte e tre insieme con il primo dei quattro movimenti del brano di Bach.
Luisa cominciò subito a fare del suo meglio per cercare di separare tra loro i suoni dei tre strumenti, poiché voleva concentrarsi sul violoncello. Ma era tutt’altro che un compito facile perché le redini del pezzo sembravano saldamente nelle mani del clarinettista. Solo a sprazzi il suono grave delle corde sfregate dall’archetto della sua inquilina affiorava come da sotto una superficie liquida.
E, anche se negli intervalli tra un brano e l’altro applaudì come tutti gli altri nel pubblico (non voleva assolutamente correre il rischio che Alessandra potesse accorgersi della sua delusione), Luisa si sentì almeno in parte defraudata: era venuta per ascoltare Alessandra, non le sue compagne o Bach!
Nel brano successivo però, quello di Brahms, Alessandra rubò la scena alle sue due colleghe in molte parti dell’esecuzione, e il concerto cominciò finalmente a rispondere alle aspettative di Luisa oltre che a risvegliare in lei un’adeguata risposta emotiva.
Fu una sorta di preludio a quello che accadde nell’ultimo, più breve, brano: l’Andantino di Fauré. Il violoncello entrò in questo caso per terzo, dopo il piano e il clarinetto, ma già poche note dopo l'attacco Luisa si sentì prima come trasportare poi sommergere dal flusso delle sue note. E a quel punto smise anche di dedicarsi all'esercizio di isolare il suo suono da quello degli altri strumenti. Chiuse gli occhi e si abbandonò semplicemente alla corrente del suono. Un corrispondente flusso di immagini cominciò a formarsi spontaneamente davanti all'occhio della sua mente.

(Il dedalo delle storie, 8 dicembre 2013)


Commenti

  1. Scommetto che dopo Bach hanno eseguito Dans une magnifique demeure...

    RispondiElimina
  2. Purtroppo no, Marco. Nessuno ha mai pensato di farne una trascrizione per clarinetto, violoncello e piano...

    RispondiElimina
  3. Anch'io ho notato che, in genere, le musiciste a un concerto acquisiscono un'aura quasi sacrale... pur magari non possedendo un aspetto imponente o particolarmente gradevole. Lo stesso accade con le attrici di teatro (quelle brave!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è quando le musiciste le conosci da vicino... come è successo a me che son stato più volte anche dall'altra parte del proscenio ;-)

      Elimina

Posta un commento

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Gli utenti possono eliminare i commenti che hanno inserito. A una eliminazione definitiva provvederà direttamente l'amministratore del sito nel minor tempo possibile. Gli estremi dell'account saranno memorizzati per facilitare commenti successivi.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Vikings S03 E07-10: La presa di Parigi

Non ho dimenticato... Alessandro Momo (parte 1 di 2)

Non ho dimenticato... Alessandro Momo (parte 2 di 2)

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks