Questo sito utilizza cookie di Google e di altri provider per erogare servizi e analizzare il traffico. Il tuo indirizzo IP e il tuo agente utente sono condivisi con Google per le metriche su prestazioni e sicurezza, per la qualità del servizio, generare statistiche e rilevare e contrastare abusi. Navigando nel blog accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Solve et Coagula - Pagina 36





Capitolo 3 - parte 11


Subito dopo cena, accese il pc e si collegò a internet. Scaricò la posta e controllò se, tra notifiche dei social network e promozioni di vario genere, vi fosse già anche la mail di Giulia. Niente. Probabilmente era troppo presto e l’amica era ancora impegnata a spulciare i libri. Stava quindi per uscire dalla pagina, quando all’improvviso le comparve, sotto gli occhi in diretta, la notizia di una nuova mail. Non a nome di Giulia però, ma di Eva Luna. Lì per lì rimase sorpresa, poi si ricordò che la sera della conferenza sui tarocchi aveva trascritto il suo indirizzo di posta elettronica in un foglio apposito e acconsentito a ricevere aggiornamenti su iniziative dello stesso tenore. Lo aveva fatto in modo semiautomatico, quasi senza pensare, ma lo aveva comunque fatto.
Aprì così la mail e scoprì che pubblicizzava una nuova conferenza, non sui tarocchi però stavolta ma sulle rune. Dunque, pensò Luisa, la dark lady amava spaziare e non si limitava a un solo strumento di divinazione. Lesse poi data e orario: 13 febbraio 2013, ore 22. E il luogo: Ragnarock.
Conosceva il Ragnarock ma solo per esservi passata davanti alcune volte. Per quanto ne sapeva, era un pub frequentato soltanto da tipi dark e fan dell’heavy metal e per questo non si era mai sognata di mettervi piede. Non scartava tuttavia l’idea di assistere ugualmente alla conferenza. Non sapeva niente sul significato delle rune, ma sapeva qualcosa sulla loro origine collegata ai miti nordici e in particolare al dio Odino. E, poiché era sempre stata attratta dai vichinghi e aveva sempre trovato l’Edda di Snorri Sturluson una lettura almeno dieci volte più appassionante delle Mille e una notte, senza pensarci oltre, prese il cellulare e chiamò Giulia.
Non appena si stabilì la comunicazione, Luisa si rese subito conto, dalla confusione di sottofondo, che la sua amica non era in casa a spulciare libri, come lei aveva creduto, ma in un locale pubblico.
«Ciao» le urlò Giulia.
«Ciao, dove sei?».
«Sono in una pizzeria con le mie compagne di danza del ventre. Tu sei a casa?».
«Sì, sono a casa».
«Con Alessandra?» le chiese quindi l’amica, con una punta di allarme nella voce.
«Con Alessandra» confermò Luisa «cioè, lei è rinchiusa nella sua stanza come sempre. Ma se vuoi sapere se ci sono stati sviluppi… no, tutto tranquillo. La classica quiete dopo la tempesta».
Non era del tutto vero, ma a Luisa non andava proprio, per il momento, di dar voce ai suoi sospetti sui succhi di frutta della sua inquilina. Avrebbe ricevuto in cambio, come minimo, il consiglio di farsi visitare.
«Scusa se non ti ho ancora inviato le citazioni dal Diario» continuò l’amica «ma non mi aspettavo di andare in pizzeria. È stato tutto deciso all’ultimo momento».

(Il dedalo delle storie, 20 ottobre 2013)

>> Pagina 37

Commenti

  1. Giusto di recente, ho approfondito un poco la mitologia norrena, poco conosciuta al di là di Odino e Thor. Ho letto un libro con le storie e le leggende tratte dall'Edda e devo dire che mi si è aperto un mondo fantastico di cui non sospettavo minimamente l'esistenza. Persino più appassionante dei miti greci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho avuto una folgorazione quando, oltre trent'anni fa, mi sono imbattuto nella mitologia norrena. Ho la fortuna di essere in grado di cavarmela con lo svedese medievale e quindi di poter leggere i testi in una forma non troppo lontana dall'originale. Anzi, devo rimettermi in esercizio altrimenti rischio di fare la ruggine!

      Elimina

Posta un commento

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Gli utenti possono eliminare i commenti che hanno inserito. A una eliminazione definitiva provvederà direttamente l'amministratore del sito nel minor tempo possibile. Gli estremi dell'account saranno memorizzati per facilitare commenti successivi.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Vikings S03 E07-10: La presa di Parigi

Non ho dimenticato... Alessandro Momo (parte 1 di 2)

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks

Non ho dimenticato... Alessandro Momo (parte 2 di 2)