Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Top 5 Summer - 2017 edition







#top5summer




Sull'ardente soglia del Ferragosto, Glò del blog La Nostra Libreria mi ha onorato di una nomina per la nuova edizione del meme Top 5 Summer, proposto ogni estate dalla blogger Elisabetta Brustio di Grafica Creattiva. Anche se stavolta, a differenza degli anni passati, non si tratta più di creare una Top 5 musicale, ma di scegliere una singola voce per tre diverse sezioni: colonna sonora della tua estate, ricetta di cucina, consiglio di lettura.

Premesso ciò, veniamo ai cinque punti del meme.

1) scegli la colonna sonora della tua estate. Cioè, nelle parole di Elisabetta: la tua canzone preferita, quella che continui a canticchiare nella testa e che fischietti sotto la doccia, mentre cucini, guidi la tua auto o mentre ti occupi delle faccende di casa.

Neanche questa estate, come già lo scorso anno, ho una canzone preferita che mi passi per la mente o che io mi diletti a canticchiare o fischiettare. Ci sono comunque delle canzoni che mi succede di ascoltare di quando in quando intenzionalmente, e, tra queste, quelle di più recente produzione fanno parte dell'ultimo album di Leonard Cohen, uscito nell'ottobre 2016. Il grande canadese ha infatti avuto tempo e modo, poco prima di andarsene all'età di ottantadue anni, di lasciarci un altro dei suoi album-capolavoro, You Want It Darker, meditazione minimalista in nove brani sulla morte e su Dio. Lontana milioni di miglia da qualsiasi atmosfera vacanziera estiva, ma pazienza. Già un anno fa del resto, per la stessa iniziativa, avevo proposto musica del XVIII secolo.
Delle nove tracce del disco vi propongo, dal canale ufficiale di Leonard Cohen, la sesta:




2) proponi una ricetta veloce (estiva o non), basta che sia facile e a prova di mamma indaffarata/imbranata (tipo me), non importa che sia un primo, un secondo, un antipasto, un dolce o una bibita... lascio libera scelta!

Cucino da quasi quarant'anni, ma il mio interesse verso i piaceri della tavola è così limitato che la mia arte culinaria si riduce a poco più di una cucina di sopravvivenza. Mi è capitato per la verità di cucinare anche per altri, e spesso li ho perfino soddisfatti, ma non ho mai consultato una ricetta in vita mia e sto solo attento a evitare il più possibile i cibi spazzatura. Ho tuttavia un punto debole, che penso sia ben noto ad alcuni di coloro che mi seguono sul blog: il caffè. Amaro e forte, aggiungo, che addolcirlo lo considero un vero delitto. Cosa quindi di meglio che postare una foto della mia "ricetta" preferita? Che sia veloce e alla portata di chiunque non ci sono dubbi; se poi ci si serve del bar, non resta che affidarsi alla sorte e sperare nella buona qualità della miscela e dell'acqua, e che quest'ultima sia priva di residui. Termino col dire, a questo proposito, che il miglior caffè che io ricordi l'ho bevuto in un bar di Monsummano Terme, località toscana non distante da Montecatini.



3) consiglia una lettura, un libro (per adulti o bambini, o entrambi), uno di quelli che suggeriresti ad un'amica/o lettrice/lettore, che leggeresti sotto l'ombrellone o che regaleresti volentieri per Natale a chi vuoi bene!

Il libro che propongo, La pentola dell'oro dell'irlandese James Stephens (1882-1950), l'ho effettivamente letto sotto l'ombrellone pochi giorni fa e devo dire che ha un suo, sebbene molto particolare, sapore d'estate.
"Una fiaba per bambini che solo gli adulti potranno comprendere", recita la quarta di copertina. Si tratta in realtà di qualcosa a tratti leggero a tratti impervio, intriso di folklore irlandese, umorismo e satira sociale, ma che mi ha anche ricordato, per l'afflato mistico e lo stile delle sue tiritere filosofiche, Il profeta di Khalil Gibran.

La pentola del titolo è quella rubata ai Leprecauni di Gort na Cloca Mora, un furto che avrà ripercussioni soprattutto nella seconda metà del libro. Ecco un assaggio della vicenda, da pag. 130 dell'edizione Tascabili Bompiani:

Una comunità di Leprecauni senza una pentola piena d'oro è una comunità inaridita e senza gioia, e certamente è giustificato che essi cerchino solidarietà e aiuto per recuperare un tesoro così essenziale. Ma i sistemi con cui i  Leprecauni di Gort na Cloca Mora cercarono di riprendersi i propri averi non possono non gettare un certo discredito sulla loro memoria. A loro giustificazione, bisogna ricordare che erano stati abilmente e crudelmente messi con le spalle al muro. Gli era stato rubato l'oro ed era già grave; ma come se non bastasse, era stato sepolto in un luogo che lo metteva automaticamente sotto la protezione del loro onore comunitario, mentre la casa del loro nemico era salvaguardata dal loro attivo e legittimo astio perché la Donna Magra di Inis Magrath apparteneva al più potente Shee di Irlanda. proprio in circostanze del genere avviene che si facciano alleanze pericolose, e, per la prima volta nella storia, gli esseri elementari invocarono un aiuto borghese.

Memorabile l'incontro-scontro tra i due dèi, il greco Pan e il celtico Angus Óg.


4) invita almeno un'altra persona a giocare insieme a noi! (e avvisala!) Poi se vorrai invitarne di più, io sarò ben contenta! Non c'è un limite!!!!

Anch'io, come Glò, invito a partecipare tre blog/blogger, ma in modo speculare al suo, ossia tutto al femminile anziché al maschile:

Simona di The Obsidian Mirror

Luz di Io, la letteratura e Chaplin

Clementina di L'angolo di Cle

Avete tempo fino al 31 agosto, per partecipare o rifiutare di partecipare.


5) condividi sul tuo blog (se ne hai uno) e sui social questa iniziativa con l'ashtag #top5summer e, se ti fa piacere e ancora non lo sei, diventa mia/mio follower!

Un grazie a Elisabetta, ideatrice del meme, e a Glò, che mi ha chiamato in causa. Condividerò molto volentieri l'iniziativa, nel blog e oltre.

Commenti

  1. Simona di Obsidian Mirror? :o
    Il caffè anche per me non deve essere zuccherato (se proprio si deve, zucchero di canna grezzo).
    Io ora me lo faccio mettere nella granita.
    Il libro non so se possa piacermi :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio lei, Miki. Visto che ogni tanto si affaccia a commentare sul mio blog, perché non provare a coinvolgerla?, mi son detto. Tanto è comunque libera di rifiutare ^^
      Ottimo il caffè nella granita!
      E il libro è vero che è molto particolare, non per tutti i palati, ma per me è stata la vera esperienza di lettura dell'estate, insieme a "Il villaggio nero" di Gabrinski.

      Elimina
    2. Aspetta: mi son perso qualcosa. Obsidian Mirror non è gestito da un uomo? XD

      Moz-

      Elimina
    3. Sì, ma la sua compagna Simona collabora al blog, sebbene quasi sempre in anonimato XD

      Elimina
    4. Non ne sapevo niente di niente, sono shockato :D

      Moz-

      Elimina
  2. Oddio, per caso il bar di Monsummano Terme è "Il re del cappuccino" del povero signor Galligani? Perché faceva caffé e cappuccini veramente favolosi (i cappuccini in particolare, delle vere opere d'arte culinarie che rifiniva pazientemente con spuma, cacao e zucchero a velo per cinque minuti buoni prima di servirli).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si tratta proprio di lui e del suo locale, Ariano, anche se il caffè è buono in tutta Monsummano in generale. Significa che ci siamo forse incrociati nel locale a nostra insaputa? Io frequentavo molto la zona negli anni intorno la metà del decennio scorso.

      Elimina
    2. Io vado molto spesso a Montecatini, a un tiro di schioppo, però in quel bar onestamente ci sono andato poche volte nonostante l'ottimo caffè perché anche a Montecatini se la cavano bene ;-)
      Comunque teoricamente durante il periodo estivo sì, potremmo esserci incrociati, chissà.

      Elimina
  3. Grazie Ivano di aver partecipato al mio gioco! Al caffè sto iniziando a prenderci gusto anche io ma, mi spiace per te, io un paio di cucchiaini di zucchero ce li metto! La vita è già amara di per sé... addolciamola un po', almeno quando si può!!!! Il libro mi ha incuriosito molto, ottima segnalazione! La canzone non la conosco e la ascolterò non appena il mio bimbo si sveglierà dal pisolino... son sicura, comunque, che sarà un brano originale ed un modo per scoprire il mondo della musica. Buona estate! Elisabetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Elisabetta. Il libro è sicuramente la cosa più estiva del mio trittico di proposte, anche se un caffè va sempre bene, al limite preso in forma di granita come dice Moz.
      Per quel che riguarda invece le canzoni, a parte quei pochi mostri sacri che seguo, tra l'altro in via di rapida estinzione, è raro che un motivo mi colpisca e mi faccia venir voglia di riascoltarlo. L'ultima volta è successo nel 2015 con Roma-Bangkok.
      Ciao e buona estate :-)

      Elimina
  4. Bello il libro, devo assolutamente trovarlo!
    E già che ci sono, vado a farmi un caffè che sto crollando.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro merita, Francesca. Sai che ti credevo ancora in ferie? Invece giusto stamani mi sono accorto che no...
      Ciao e un abbraccio altrettanto :-)

      Elimina
  5. Come sempre interessanti le tue segnalazioni. Il libro lo conosco già 😊
    Caffè solo al mattino e zuccherato, ho bisogno di energia 😃
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora il libro non è proprio così sconosciuto... ottimo a sapersi.
      Io un caffè al mattino e uno al pomeriggio. La sera solo se ceno fuori casa.
      Grazie della visita e del commento Marina. A presto :-)

      Elimina
  6. Ivano, come al solito hai saputo proporci una bellissima versione personalizzata del meme *_*
    Prima di tutto, grazie per avere accettato la nomination e mi piacciono un sacco le tue :O Spero che le tre meravigliose Signore accetteranno di partecipare!

    A musica, che dire? Brano stupendo di un album che non ho ancora ascoltato adeguatamente, ma provvederò *_*
    Per quanto riguarda la "questione culinaria", beh non so se ne fossi al corrente (forse sì) ma il caffè amaro è la mia vita, ovvero ciò che mi tiene funzionante XD Quel locale che citi... chissà che prima o poi non riesca a berci un caffè :O

    Per finire, ma che bel titolo mi proponi! :O Non solo prendo nota, vedrò anche di procurarmelo: adoro miti e folclore soprattutto dei paesi nordeuropei.

    Ma dunque hai trascorso (o forse sei ancora là...) un soggiorno marittimo in quella magnifica zona di cui avevi già detto? Costa basso-toscana circa, mi pare di ricordare!

    Grazie ancora e davvero un piacere leggere la tua Top5 *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero anch'io che le tre meravigliose signore, al risveglio dal letargo estivo, accettino La nomina.

      E no, non sapevo che anche tu fossi appassionata del caffè amaro. Spero che il locale sia ancora oggi all'altezza, visto che sono più di dieci anni che non vi capito.

      E penso anch'io che il romanzo di Stephens possa piacerti, in base a quel che trapela dei tuoi gusti dal tuo blog.

      Al mare ho trascorso solo i giorni del ponte di Ferragosto. Il posto sì è sempre quello, sulla costa maremmana.

      Grazie mille a te per il bel commento. Buona domenica ^__^

      Elimina
  7. A quanto vedo sei parecchio indaffarato con il blog, e non ti fai scoraggiare dalle molte saracinesche abbassate. :-) Il caffè piace molto anche a me, di recente ho imparato a berlo senza zucchero e pare che se ne apprezzi maggiormente il vero aroma. Buon proseguimento agostano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E già domani mattina è in arrivo una nuova sorpresona, Cristina ;-)
      Proprio così, lo zucchero nasconde l'aroma del caffè. Il che può essere un bene nel caso di certi caffè XD
      Buon proseguimento altrettanto :))

      Elimina
  8. Oh, ohohoh... Che sorpresa, Ivano! Credo che a nessun altro sarebbe mai venuto in mente di nominarmi per un meme. (Anche perché in ben pochi mi conoscono :-D) Che dire... ora mi sto godendo la mia ultima settimana di vacanza, dopo quelle di luglio, ma non appena torno alla normalità provo a buttare giù qualcosa... Dovrei farcela per il 31, se riusciamo a riaprire il blog un paio di giorni prima del previsto. Piuttosto c'è da domandarsi se qualcuno, a parte te, possa essere interessato alle mie scelte. P.S. Il libro me lo segno, Cohen lo conosco solo vagamente, e al caffè normale ormai sostituisco quasi sempre quello al ginseng... con poco zucchero ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, sì immagino che sia stata una sorpresa :-D Comunque nel mio blog eri già stata tra i protagonisti del meme dell'autobiobiliografia, non si tratta perciò di una novità assoluta.
      Mi fa piacere scoprire che il mio libro ti ha interessata. Attendo quindi fiducioso di leggere le tue proposte, soprattutto la 1 e la 3, visto che della 2, credo si sia capito, a me importa il giusto. Riguardo al tuo dubbio, confido che invece ci sarà un certo interesse tra i blogger del vicinato.
      Buon proseguimento di vacanza :-)

      Elimina
    2. Simona, io son qui già pronta, in trepidazione *__* Sono serissima!

      Elimina
  9. OMG, arrivo troppo tardi. Peccato. Grazie comunque per questa nomination, Ivano, sarà senz'altro per la prossima! Intanto bellissima l'idea di far scrivere Simona!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ho letta da Simona... e pure commentata :P
      Anche Silverfish è arrivato in ritardo e ha pubblicato oggi. Prova a sentire cosa ne pensa Elisabetta.

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks

Insieme Raccontiamo 17: Omaggio a Malpertuis

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia

Il meme sull'autobiobibliografia - post di aggiornamento