Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Solve et Coagula - pagina 131





Parte seconda - Capitolo 1 /3


Salutò l’infermiera con un’ultima richiesta: che gli fosse messo a disposizione un album da disegno e una matita a grafite o carboncino. Poi, rimasto solo, si guardò attorno in cerca della radio nominata dalla donna, ma non ne vide traccia nella stanza. A sua disposizione aveva solo il dannato libro sulla storia di Dunwich che qualcuno, chissà chi e perché, aveva sostituito all’altro che gli era stato portato il giorno prima. A meno che quell’idea della sostituzione non fosse stata davvero un parto della sua fantasia, come sosteneva la nurse, che adesso aveva scoperto chiamarsi Wilkins… un possibile postumo dell’esperienza allucinatoria che aveva vissuto in spiaggia due settimane prima. Due settimane, un tempo abbastanza lungo perché qualcuno fosse in ansia per la sua sparizione. E se, come sembrava, le autorità inglesi erano al corrente della sua identità, dovevano pure essersi messi in contatto con qualcuno all’ambasciata, che a sua volta doveva essersi data da fare a rintracciare i suoi parenti più stretti in Italia. Perché allora non si faceva ancora vivo nessuno?
Massimo non poteva rendersene conto, ma il crescente numero di domande che si poneva quel mattino altro non era che il risultato del progressivo recupero delle sue ordinarie facoltà mentali, oltre che del graduale riallineamento dei contenuti emozionali e intellettuali della sua persona, che per due interi giorni avevano vagato in ordine sparso e dissociati tra loro. In un certo senso, era come se il suo organismo si stesse riprendendo dai postumi di una gigantesca sbornia. Si sentiva del tutto pronto, e determinato, ad affrontare il medico a viso aperto stavolta, anche se avrebbe continuato a guardarsi, per il momento, dal rivelare che aveva alle spalle un corso di infermieristica ed era nelle sue intenzioni diventare presto lui stesso un collega di Miss Wilkins e dell’affascinante Paula Susi, rientrata in anticipo dalle ferie, il giorno prima, all’insaputa della collega.
Il dottore arrivò come previsto di lì a poco, armato di sfigmomanometro e fonendoscopio. Dopo una visita abbastanza accurata, concluse che era tutto nella norma.
<Vuol dire che sono finalmente pronto per un viaggetto dalle parti di Scotland Yard?> gli chiese Massimo, con un tono di voce e una scelta di parole che il suo interlocutore giudicò poco appropriati alla situazione.
<La trova davvero una prospettiva così divertente?>.
No, Massimo non la trovava in alcun modo una prospettiva divertente, bensì un’enorme scocciatura. Però gli premeva raggiungere al più presto Londra, per due motivi: primo, avrebbe compiuto una mossa di avvicinamento all’Italia, secondo, e di conseguenza, si sarebbe allontanato da Dunwich, un posto di cui voleva dimenticarsi l’esistenza il prima possibile.
<Posso farle un paio di domande, dottore, prima che se ne vada?>.
Il medico annuì.
<Come siete risaliti alla mia identità? E immagino abbiate cercato di contattare qualcuno in Italia che mi conosce?>
L’altro aveva l’aria di aspettarsi entrambe le domande e rispose senza esitazioni. <Alla sua identità è risalita la polizia, grazie all’unica macchina con targa italiana parcheggiata nei dintorni della spiaggia. E so che alcuni suoi parenti sono tenuti costantemente informati sul suo stato di salute>.
<Quindi sanno che mi sono risvegliato?>.
<Immagino di sì. Ma credo siano stati anche avvertiti della necessità di preservavi per alcuni giorni da un sovraccarico di emozioni>.
Massimo scosse la testa, incredulo. <Sovraccarico di emozioni? Cos’è, uno scherzo?>.
Il medico non rispose, ma la sua espressione grave allarmò non poco il giovane, che all’improvviso ebbe un sospetto.
<Ha a che fare con il mio amico Maurizio, vero? Il ragazzo che ha viaggiato con me…>.
Di nuovo, il medico non rispose. Rimise a posto i suoi strumenti, lo salutò consigliandogli di riposare ancora almeno fino alla sua prossima visita, nel pomeriggio, e lasciò la stanza.



Commenti

  1. L'amico non si è ripreso dalla droga o è morto. Massimo è stato malissimo forse in coma.
    E cosa disegnerà Massimo? Il volto visto durante le allucinazioni probabilmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, l'amico è messo peggio di lui.
      In quanto al disegno lo vedrai presto. Devo solo dargli il tempo di fare qualche modifica. ;D

      Elimina
  2. Paula Susi è l'anagramma di Luisa Pasu/Spau/Pusa?
    Troppa fantasia? ma se non sbaglio il cognome di Luisa non lo sappiamo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luisa è figlia di Massimo, Patricia! Non sappiamo il cognome di famiglia e forse non lo sapremo mai ma non può essere Susi o un suo anagramma ^^

      Elimina
    2. Questo lo so Ivano però visto che nella tua blog novel non è tutto così,tra virgolette, reale avrebbe anche potuto trattarsi di un fenomeno di esp. Oppure una visione che rivelava il futuro.
      Ok come non detto :)

      Elimina
    3. Giurin giuretta! Non commenterò mai più dal cell... mi spieghi perchè deve mandare i commenti dopi????
      A ri scusa! :)))

      In più aggiungo una cosa... ho pensato all'anagramma perchè con te :P) non si sa mi dove si vada a finire... ahahahahah

      Elimina
    4. Se può piacerti saperlo, ti dico che non sei mai arrivata così vicina a prevedere lo svolgimento della storia come nel commento sopra (quello delle 11:45).

      Elimina
  3. Il racconto mi incuriosisce sempre più. E adesso aspetto il seguito :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto piacere di averti incuriosito, Giulia. Il seguito non si farà attendere troppo. O almeno spero di no ;-)

      Elimina
  4. Dì, la verità: la seconda stagione non è tutta improvvisata, vero? Le linee generali le hai un po' decise a tavolino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono linee molto ma molto generali, caro Marco, ti assicuro. Suscettibili di cambiare alla minima piega da me non prevista dei fatti.

      Elimina
  5. Dunque, il disegno ci rivelerà qualche "esperienza/visione" durante lo stato allucinato?
    Massimo sarà stato devastato dall'esperienza vissuta, quindi in preda a uno stato di "follia"?
    Attendo o.O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il disegno dovrebbe comparire nel prossimo post, se il risultato non sarà una schifezza totale. Altrimenti dovrò limitarmi a descriverlo soltanto ma spero di no.
      In preda alla follia..? Vuoi dire Maurizio, il compagno di Massimo, immagino.

      Elimina
    2. Oh sì -_- di Maurizio trattavasi...

      Elimina
    3. Mea culpa che ho scelto nomi troppo simili. Io stesso, con questo sistema di scrittura a schegge, ho rischiato più volte di confondermi ^_^

      Elimina
  6. Andiamo bene.. abbiamo appurato che l'infermiera si chiama Wilkins, ora. ;-) Sono curiosa di vedere il disegno, che probabilmente sarà presente in una delle prossime puntate. Me lo riservo per la prossima tornata. Buon lunedì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti all'epoca di questo post avevo in mente di realizzare un disegno digitale. Ma dopo millemila tentativi mi sono dovuto arrendere all'evidenza che non riuscivo a rendere l'idea che volevo dare del personaggio.
      Buon lunedì altrettanto ^_^

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia

Vikings S03 E07-10: La presa di Parigi

Il meme sull'autobiobibliografia - post di aggiornamento