Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Giochi d'estate: Il salto 3



Tutto è iniziato con un raccontino di 200 caratteri opera della blogger mitraglietta (nel senso che spara post a ripetizione) Patricia Moll. Questo:
Il salto (Patricia Moll)
Il sole scottava la pelle. Un tuffo e non lo avrebbe più sentito. Il trampolino era fuori di circa tre metri. Pochi passi, un salto...
Il pirata lo punzecchiò con la spada.

La cosa sembrava finita qui, ma ecco che una alquanto incauta blogger, Anna Maria Fabbri, è curiosa del seguito della storia e Patricia, che non aspettava altro, si produce allora in questo nuovo shot:
Il salto 2 (Patricia Moll)
L'acqua salata bruciava la pelle. Ma era il suo ultimo spasimo di vita. Si lasciò andare alla morte.
"Capitano!".
Si sentì toccare il viso. Dietro ad un sorriso dolce e radioso, Lei! La sua Sirena.
La seguì!

Ma non finisce neanche qui, perché subito il gioco raddoppia con Patricia che invita Anna Maria a scrivere un finale in contemporanea con lei. Nascono così, a conclusione della trilogia*, due nuovi mini racconti:
Il salto 3 (Patricia Moll)
Nuotando si sentiva più leggero. In pace con sé e col mondo.
La vita non defluiva dalle sue vene ma scorreva con calma e allo stesso tempo vigore.
Pace! Guardò verso l'alto. Scelse il sogno! La sirena!

Il salto 3 (Anna Maria Fabbri)
Ero un prigioniero, ero un capitano, e ora raccolgo perle in questo sperduto atollo.
Non desidero altro, da quando Moa, raccoglitrice di perle, mi ha salvato.
Dolce fu la sua visione, che fluttuava nell’acqua.

E poiché mi sono fatto a mia volta coinvolgere in un commento e ogni promessa è debito, alla serie va a aggiungersi il mio finale:
Il salto 3 (Ivano Landi)
Lo trovarono a riva due pescatori.
"Che aspettiamo a dargli una sepoltura cristiana" chiese il più giovane.
L’altro scosse la testa. "Guarda bene gli occhi. La sua anima se la son già presa le Sirene".
* * *

Un benvenuto adesso a chiunque voglia continuare il gioco
e scrivere il suo personale 
Salto 3.

* * *

* L'idea originale delle trilogie di racconti di 200 caratteri è della blogger Romina Tamerici.

L'immagine in alto sotto il titolo è un'illustrazione di Nonna Aleshina.

Commenti

  1. E bravo Ivano!!!!!! Bel finale anche il tuo!
    La potenza delle sirene! Sirene intese (a mio parere) come qualcosa a cui teniamo tantissimo e che ci ruba anma e cuore.

    Adesso preparo anch'io il post con tutti e tre i finali. Se poi si aggiunge qualcun altro lo aggiorno...

    Comunque adesso abbiamo capito perchè Anna ed io abbiamo così mal di schiena... colpa tua!!!! :))))) Abbiamo fatto una faticaccia a tirarti dentro... ahhaahahahhaahah sììììììììì! Come no! Ti abbiamo tirato con un filo di ragnatela, pensa tu..... :)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mal di schiena? Non sarà piuttosto il colpo delle Tre Sorelle? ^^
      E' vero, mi avete mi avete tirato dentro con un filo di ragnatela... o era forse un capello di Sirena?

      Elimina
  2. Una delle cose che mi ha maggiormente attratto della blogosfera, oltre la condivisione, è la collaborazione, e qui ne abbiamo davvero un bell'esempio! Complimenti a tutti e 3!

    Sinceramente non so quanto sarei capace di fare analogamente, 200 caratteri poi mi sembrano una sogliaparticolare: da una parte pensi "troppo pochi" (e poi c'è chi mi dà del prolisso :P), dall'altra "riuscirò a scrivere qualcosa di sensato con così poco spazio?".

    Quindi per il momento mi sa che userò la scusa dell'ignoranza, del tipo "sono nuovo", "non so bene come funzionano queste cose", "magari la prossima volta", "cose random atte alla bisogna" :P


    PS: e meno male che non ti eri ancora ambientato, Ivano! Pensa un po' fossi stato in forma ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo che non mi sono ancora riambientato, Paolo. Ammetto tuttavia che questo mini racconto mi ha un po' riscaldato i motori. Un passetto alla volta... ^_^

      Elimina
    2. PiGreco
      allora prima di tutto fai un reticolato con 10 caselle e venti righe, scrivi. Cancelli. Riscrivi Ricancelli e alla fine fai un altro reticolato perchè non capisci più niente. :)))
      C'è sempre qualche carattere di troppo... ahahahhahaha
      200 caratteri? Decisamente troppo pochi anche per me però....
      Comunque c'è posto anche per te eh....
      Si è unita Sinforosa Castoro ma di spazio ce n'è ancora finchè vuoi!!!!!

      Sì, Ivano, ti crediamo che sei ancora al mare col pensiero..... ahhahahahahahaha se eri presente, povere noi!!!!!!

      Elimina
    3. mi si è rotta la riga, ho finito le micromine, s'è consumata la gomma, ecc XD

      ci penso un po' su, magari, se non per questo, per i prossimi, chissà :P

      Elimina
    4. Chissà! Forse mi hanno preso le sirene e non me ne sono accorto...

      Elimina
    5. Ahahahah!!! Sono felice come una pasqua... bello il tuo finale. Ahahahh... che forte tirato con un filo di ragantela... ma dove le trova Patricia idee così carine, certo che le Sirene ammaliano parecchio ^__^
      P.s. grazie Ivano per aver partecipato, e per aver menzionato Romina Tamerici.

      Elimina
    6. Molto bello anche il tuo di finale, Anna Maria. Una trilogia con tre finali ha qualcosa di magico, no? *__*
      Menzionare Romina mi sembrava doveroso visto che le trilogie di racconti di 200 caratteri sono una sua invenzione.

      Elimina
    7. Ivano hai fattobenissimo a citare Romina.
      Io non ciho pensato anche perchè è nato tutto come un raccontino. Punto e basta. Poi, le cose sono andate avanti diversamente e da sole.
      E io ne sono felicissima!!!!!

      Anna Maria... un filo di ragnatela, già.... è così robusto!!! :)))

      Elimina
    8. Avevo capito che la non citazione non era una dimenticanza, Patricia, ma dipendeva solo dal fatto che non avevi in mente una trilogia.
      Ed è vero che i fili di ragnatela sono robusti, ma la cosa più robusta in assoluto è la corda che tiene legato il lupo Fenrir ^_^

      Elimina
    9. Il lupo Fenrir vuoi dire? E' un personaggio dell'Edda, ma l'ho citato più volte anche nella blog novel...

      Elimina
    10. Lo so, Ivano.
      Era una battuta :)))

      Elimina
    11. Troppo serio, occhio Pat! :P Per me è un tentativo di depistaggio da parte di Ivano!!! :O

      Elimina
    12. Lo so, Glò! Lo penso anch'io.... ma tanto noi ci rifacciamo con la blog novel ahahaahahahahahhah

      Elimina
  3. Bella l'immagine che hai messo, piace anche al mio nipotini di 5 anni, ora lo porto a letto perché è cotto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La caccia alle immagini è qualcosa a cui dedico un bel po' di tempo quasi a ogni post :)

      Elimina
  4. Molto bello anche il tuo finale Ivano ...e già mi incuriosisco a sapere che avranno fatto con l'anima ... praticamente mi piacerebbe il seguito ....
    un saluto
    giusi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Giusi!
      Non ho proprio nessuna idea di quel che sia successo dopo. Le Sirene mitologiche non sono esattamente delle figure benigne, ma di queste in particolare non so dirti...
      Ciao e grazie :)

      Elimina
  5. Ma... wow! Quante belle cose sono venute fuori!
    Bravissimi tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Romina! Ho lasciato anch'io un commento sul tuo post aggiornato ;)

      Elimina
  6. Romina, abbiamo una buona maestra... :)))

    RispondiElimina
  7. Bello bello bello! Anche se un pelino triste xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie grazie grazie Poiana!
      Si sa almeno dai tempi dell'Odissea, che le sirene son toste ;-)

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Vikings S03 E07-10: La presa di Parigi

Black & White & Sex Talks

Insieme Raccontiamo 17: Omaggio a Malpertuis

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia