Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Solve et Coagula - Pagina 108




Capitolo 9 - parte 7


Fabrizio ritenne di dover intervenire di nuovo. «E’ quasi mezzanotte e secondo me è meglio se ci dormiamo sopra. Che ne dite se ci vediamo di nuovo domani pomeriggio?».
«Per fare cosa?» gli domandò Luisa.
«Per fare il punto della situazione e studiare un piano un po’ meno rischioso. Ognuno di noi tre cerca nel frattempo di mettere in fila tutto quello che sa, o crede di sapere, di tutta questa storia».
«E intanto il tempo passa».
«Capisco la tua necessità di avere delle risposte, Luisa, ma la fretta porta raramente a qualcosa di buono» insistette Fabrizio.
La ragazza rifletté alcuni istanti. «E va bene, ma se domani non uscirà fuori niente di concreto farò a modo mio».
Dopodiché accompagnò i due amici fino alla soglia dell’appartamento e li congedò velocemente.

Rimasta sola, Luisa cominciò a guardarsi intorno. Il soprabito di Alessandra non era appeso all’attaccapanni dell'ingresso e questo significava che non era ancora rientrata. Si chiese se non fosse il caso di aspettarla alzata. Interrogarla non sarebbe servito a niente, lo sapeva bene, però se le avesse mostrato l’immagine sul computer, forse la vista del suo ritratto a metà, avrebbe smosso qualcosa in lei. Ricordava ancora la sua bizzarra reazione all’ascolto della fiaba di Zio Lupo e…
Per un attimo fu così disorientata dall’inquietante pensiero che l’aveva colta all’improvviso, che si sentì costretta a tornare nel suo studio-soggiorno e sedersi. Eppure avrebbe dovuto sospettarlo da subito che Alessandra aveva applaudito per imitazione. Ogni volta che lei si esibiva in pubblico con la sua musica riceveva in cambio degli applausi e deve aver creduto suo dovere fare altrettanto. Ma la parte più disturbante erano certe conclusioni a cui si sentiva condotta da quello stesso pensiero. Se questa specie di ‘legge dell’imitazione’ valesse per ogni altra cosa che Alessandra faceva? Andava forse al frigo per imitazione anche se non mangiava e solo per imitazione alla sera si ritirava nella sua stanza?
Era un’idea così assurda che faceva poca fatica a capire perché non l’avesse mai presa in considerazione prima di quel momento, nonostante le fosse ormai chiaro che doveva essere esistita in lei, sullo sfondo più lontano del suo orizzonte mentale, fin dalla sera stessa dell’episodio con Zio Lupo.
Forse aveva ragione Fabrizio a dire che doveva solo dare tempo al tempo. La spiegazione che aveva appena trovato poteva render conto solo delle stranezze della sua inquilina, lasciando tutto il resto avvolto nella stessa oscurità di prima, ma era pur sempre una possibile scoperta che l’indomani lei avrebbe messo sul tavolo di confronto con i suoi due amici. Di certo non aveva più nulla da nascondere loro e anzi li riteneva a quel punto perfino necessari ai suoi scopi: Giulia era il suo Grillo Parlante che la manteneva sempre al riparo dai colpi di testa, mentre Fabrizio sembrava disporre esattamente di quel tipo di conoscenza che le serviva, come avevano dimostrato gli eventi appena trascorsi. E a questo proposito, doveva proprio rimproverarsi per aver conservato così poco dell’Edda nella sua memoria da essersi fatta sfuggire un particolare così rilevante come l’aspetto esteriore della dea Hel. Chissà quanto tempo ci avrebbe messo a scoprire quella caratteristica del suo volto se avesse potuto contare solo su stessa!
C’era infine la questione di suo padre. Doveva o no coinvolgerlo? Da un certo punto di vista, sembrava disporre di più tasselli del puzzle di loro tre messi insieme, ma i termini reali della sua relazione con Alessandra erano ancora troppo fumosi e questo lo rendeva per il momento un soggetto poco affidabile.
Un istante dopo Luisa si sentì invadere dal disgusto, alla constatazione di quel che aveva appena pensato del suo adorato babbo.


Commenti

  1. Coinvolgere il padre..... uhm... potrebbe essere una buona idea.
    Oltre a saperne forse di più di loro tre, potrebbe anche chiarire la sua esperienza passata. Capire un po' di più l'allucinazione avuta all'epoca, sempre che di allucinazione si tratti.
    E magari così qualcosa si chiarirebbe anche a noi :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luisa tornerà presto da suo padre, ma non è detto che ne esca con le idee più chiare di prima ;D

      Elimina
  2. questa è la prima puntata che leggo. Recupererò le altre perché non ci ho capito molto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco bene... è come iniziare a leggere un libro non so da quale pagina ma dopo quasi 60.000 parole :O
      Grazie del passaggio e della lettura ;)))

      Elimina
  3. Sto recuperando terreno (Capitolo 5 - parte 1, pag.52) XD Tra poco mi metto in pari!!! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Complimenti! Macini non solo su carta ma anche su schermo ^^

      Elimina
  4. Avevo letto anche io di Zio Lupo quando stavo cominciando a recuperare il perduto della tua blog-novel e adesso penso a Fenrir e a questa storia dell'imitazione che sembra quasi voglia lasciare intendere un camuffamento forse gestito maldestramente ad un occhio attento come quello di Luisa. Mhm... mi manca però l'episodio legato ad Alessandra di Zio Lupo, vediamo se riesco finalmente a recuperare la trama! :°D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'episodio in questione si situa all'inizio della blog novel, Alessia, alle pagine 10 e 11.
      Ciao :)

      Elimina
  5. Fossi stata in Luisa, avrei preteso che qualcuno dormisse nell'appartamento quella notte! Non sarei rimasta ad aspettare il rientro di Alessandra da sola nemmeno se m'avessero pagato. :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai, dopo oltre due anni di convivenza, ormai lei si sente relativamente al sicuro con la sua inquilina.

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia

Insieme Raccontiamo 17: Omaggio a Malpertuis

Il meme sull'autobiobibliografia - post di aggiornamento