Questo sito utilizza cookie di Google e di altri provider per erogare servizi e analizzare il traffico. Il tuo indirizzo IP e il tuo agente utente sono condivisi con Google per le metriche su prestazioni e sicurezza, per la qualità del servizio, generare statistiche e rilevare e contrastare abusi. Navigando nel blog accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Che cosa sono le nuvole? - Incantesimi cinemusicali /11




Questo undicesimo Incantesimo cinemusicale, che segue di circa un anno il precedente, va a completare la mia partecipazione al meme (o tag), da me scoperto a casa di Miki Moz, sui nostri Bellissimi coetanei (i dieci film preferiti del nostro anno di nascita), che nel mio caso ho però presentato in una versione diluita che va dal 1960 al 1968.
Approfitto così dell'occasione per un riepilogo dei dieci film da me chiamati in causa nei tre post in cui ho suddiviso il meme:
  1. Il villaggio dei dannati (Village of the Damned, UK, 1960)
  2. Atlantide continente perduto (Atlantis: The Lost Continent, USA, 1961)
  3. Hallucination (The Damned, UK, 1962)
  4. Giovani prede (Mikres Afrodites, Grecia, 1963)
  5. Il giovedì (Italia, 1964)
  6. La decima vittima (Italia/Francia, 1965)
  7. Andrej Rublëv (CCCP, 1966)
  8. Operazione diabolica (Seconds, USA, 1966)
  9. Io sono curiosa (Jag är nyfiken - en film i gult, Svezia, 1967)
  10. Capriccio all'Italiana (Italia, 1968)

Ma se una parte di questi film rientra effettivamente nella categoria dei miei "bellissimi", altri ce li ho fatti rientrare per colmare dei vuoti cronologici, in virtù del loro offrirmi comunque dei motivi di interesse. Dell'ultimo film in lista in particolare, Capriccio all'Italiana, ho presentato nel post precedente i primi due dei sei corti che lo compongono, ma il vero "bellissimo" arriva solo adesso, con il corto di Pier Paolo Pasolini oggetto di questo post, un concentrato di poesia allo stato puro che è anche un capolavoro del cinema. E poiché il segmento si apre e si chiude con Domenico Modugno che canta una altrettanto bellissima canzone, musicata dallo stesso cantante su testo di Pasolini, mi è piaciuto cogliere al volo l'occasione e proporvi finalmente un Incantesimo cinemusicale il cui allestimento meditavo in realtà da tempo.


1968 - Che cosa sono le nuvole? di Pier Paolo Pasolini (Capriccio all'italiana, segmento 4)

Paese di produzione: Italia; durata: 20min; genere: Commedia; Colore.


Che cosa sono le nuvole? racconta di una messa in scena dell'Otello di Shakespeare in forma di teatro di marionette, con Ninetto Davoli e Totò (alla sua ultima prova d'attore) che interpretano rispettivamente il moro di Venezia e Jago, mentre troviamo Laura Betti nel ruolo di Desdemona, Franchi e Ingrassia in quelli di Cassio e Roderigo, e Carlo Pisacane in quello di Brabanzio.

Le stesse parole della canzone sono una rielaborazione del testo originale di Shakespeare, come vi sarà possibile constatare di persona dalla tabella di confronto che segue i due estratti video, da me realizzata utilizzando come fonte il Meridiano Mondadori del 2001, Per il cinema, oltre tremila pagine tutte dedicate all'opera filmica di Pasolini.




Come si è visto, Modugno interpreta il ruolo dello spazzino, che poi, nel finale del corto (l'estratto video che segue), porterà all'immondezzaio le marionette di Otello e Jago, dopo che il pubblico dello spettacolo, rivoltatosi alla sprovvedutezza del primo e alla malvagità del secondo,le ha rese non più utilizzabili.
Avrete forse anche notato, nel primo video, l'utilizzo di una serie di riproduzioni di opere di Diego Velazquez in forma di poster, abbinate a titoli di spettacoli immaginari. Tra questi, "La terra vista dalla luna", titolo di un altro cortometraggio di Pasolini (dall'opera collettiva Le streghe) sempre interpretato da Totò e Ninetto Davoli.
Anche il secondo video propone un Velazquez: Venere allo specchio - unico nudo dipinto dal pittore spagnolo e, di conseguenza, unica sua opera adatta a figurare nella cabina di un camion. Mentre la musica conclusiva, che accompagna la scena delle nuvole, è un frammento dell'Adagio dal Quartetto d'archi K.516 di Wolfgang Amadeus Mozart.




Cosa sono le nuvole (Modugno/Pasolini)
Otello
(William Shakespeare)
Ch'io possa esser dannato
se non ti amo
E se così non fosse
non capirei più niente.
Tutto il mio folle amore
lo soffia il cielo
lo soffia il cielo... così.
III,iii,89-91: Perdition catch my soul,
But I do love thee!
And when I love thee not,
Chaos is come again.

III,iii,444: All my fond love thus do I blow to heaven.
Oh! Malerba soavemente delicata
di un profumo che dà gli spasimi!
Ah! ah! tu non fossi mai nata!
Tutto il mio folle amore
lo soffia il cielo
lo soffia il cielo... così.
IV,ii,66-68: O thou weed!
Who art so lovely fair and smell'st so sweet
that the sense aches at thee, would thou had'st ne'er been born.

III,iii,444: All my fond love thus do I blow to heaven.
Il derubato che sorride
ruba qualcosa al ladro
ma il derubato che piange
ruba qualcosa a se stesso
Perciò io mi dico
finché sorriderò
tu non sarai perduta.
I,iii,207-8: We lose it not so long as we can smile.
Ma queste son parole
e non ho mai sentito
che un cuore, un cuore affranto
si cura con l'udito.
Tutto il mio folle amore
lo soffia il cielo
lo soffia il cielo... così.
I,ii,217-8: But words are words; I never yet did hear
That the bruis'd heart was pierced through the ear.

III,iii,444: All my fond love thus do I blow to heaven.

Commenti

  1. Beh, assolutamente un piccolo capolavoro.
    Cast perfetto e noi siamo ancora a chiederci cosa sono le nuvole :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che cosa sono le nuvole se lo sono chiesti ancora in molti, dopo Pasolini. Anche De André e Alice ^__^
      E sì, un piccolo grande capolavoro...

      Elimina
  2. Lo vidi moltissimi anni fa una domenica pomeriggio (credo fosse su Rai 3) ma non lo ricordo tanto bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che credo di averlo visto per la prima volta anch'io in quella occasione?

      Elimina
  3. Io l'ho visto tanti anni fa, ma la scena finale me la ricordo bene. Commovente, davvero un capolavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, cara Giulia, un finale indimenticabile...
      Grazie mille per il passaggio e il commento!

      Elimina
  4. Anche questo non lo conoscevo. Non sapevo nemmeno che Totò avesse recitato in un film con Franco e Ciccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Heilà, Marco, che piacere rileggerti qui! Per il momento sono coinvolto in un progetto artistico che mi sta impegnando tutto il tempo libero e non posso occuparmi né del mio blog né di quelli degli altri, ma non ho intenzione di scomparire e spero anzi di tornare presto tra voi. Intanto, buon lavoro! E salutami pure chi degli amici leggi in giro ;-)

      Elimina

Posta un commento

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Gli utenti possono eliminare i commenti che hanno inserito. A una eliminazione definitiva provvederà direttamente l'amministratore del sito nel minor tempo possibile. Gli estremi dell'account saranno memorizzati per facilitare commenti successivi.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Non ho dimenticato... Alessandro Momo /1 di 2

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Vikings S03 E07-10: La presa di Parigi

Non ho dimenticato... Alessandro Momo /2 di 2

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks