Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Solve et Coagula - Pagina 166


Parte II - Capitolo 3 /9

Sembrava che tutta la stanchezza accumulata impercettibilmente in oltre un mese di peregrinazioni, avesse infine sommerso Massimo in una volta sola. Tutto ciò che si trovò a desiderare, una volta uscito dal ristorante, era tornarsene al più presto in albergo e infilarsi sotto le coperte. Per questo accolse con enorme sollievo le prime parole che Paula gli rivolse in strada, nella tiepida aria serale.
«Niente passeggiata al chiar di luna, stasera, anche se tutto inviterebbe a farla. E niente locali, niente concerti, niente di niente. Domani ci attende una giornata faticosa e non possiamo fare tardi. Ce ne staremo tranquilli a letto a guardare la tv» fu quello che lei gli disse.
E poiché durante la cena non erano tornati una sola volta sull’argomento dell’indomani, Massimo pensò di cogliere al balzo l’occasione.
«Cosa intendi con “giornata faticosa”?» le chiese, non senza un po’ di ansia.
«Sette chilometri a piedi» replicò telegrafica la ragazza.
La risposta lasciò Massimo perplesso. «Non mi sembrano poi così tanti. Ho fatto di peggio in varie occasioni».
Paula rise brevemente prima di rispondergli di nuovo. «Saranno in gran parte sotto il sole, tutti in salita e lungo un sentiero accidentato».
«Sembra divertente» scherzò Massimo. «In ogni caso, dove siamo diretti? Non in direzione del Monte, mi pare di capire».
«In direzione di Mont Saint Michel? No. Ma anche sì, in un certo senso».
«Cos'è, un indovinello?».
«No, nessun indovinello. Anzi, non ti tengo oltre in sospeso. Ci arrampicheremo su un cucuzzolo dalla cui cima avremo una visione privilegiata dell'abbazia e di tutta la baia».
«Non ne vedo molti di cucuzzoli da queste parti…» osservò Massimo.
«E chi ha detto che resteremo da queste parti?» ribatté Paula. «A dirla tutta, non resteremo neanche in Normandia. Per la prima volta ci sposteremo in Bretagna».

Avevano scelto una stanza del secondo piano, una di quelle affacciate sul retro dell’albergo, con le pareti incorniciate da decorazioni in stile floreale art decό, e l'arredamento in tema. Oltre la porta-finestra, un piccolo balcone sporgeva su un giardino - un angolo paradisiaco, illuminato in quel momento dall’alto da uno spicchio di luna, la cui vista ebbe su Massimo uno strano effetto. Affiorò in lui un ricordo lontano e quasi dimenticato, all’apparenza privo di ogni nesso con quel che aveva sotto gli occhi, che lo riportò ai suoi undici anni, a una sera in cui suo padre lo aveva accompagnato al cinema a vedere Gli aristogatti. Più esattamente, rivide sullo schermo della sua memoria la scena in cui Romeo incontra per la prima volta Duchessa, in riva al fiume. Ricordò, come fosse allora, lo sguardo della gatta, completamente rapito dalla figura del randagio. Paula, ne era più che certo, non lo avrebbe mai guardato a quel modo, e si trovò a chiedersi perché.
«Perché così malinconico?» gli chiese la ragazza, in piedi al suo fianco. «Non staremo separati per sempre».
Romeo e Duchessa scomparvero all’istante dalla mente di Massimo, mentre il cuore gli balzava in gola.
«Ci rivedremo tra poco meno di trent’anni» continuò la ragazza, come se parlasse del più e del meno.
Lui non sapeva se doveva mettersi a ridere o cosa. «Immagino che dovrei essere felice di sentirmelo dire» ironizzò.
Paula ignorò la battuta e continuò a parlare con lo stesso tono serio di prima.
«Domani, più o meno a quest’ora, ti darò la parola-chiave che ti farà ricordare di me».
«Ti assicuro che non ho problemi di memoria e non corro nessun rischio di dimenticarmi di te» osservò Massimo, che corse col pensiero al Calvados come possibile spiegazione degli strani discorsi della sua compagna di viaggio. «Mi piacerebbe però sapere il perché di questo gioco da ragazzini, così all’improvviso».
Ma lei, anziché rispondergli di nuovo, cominciò a cantare. Era la stessa nenia finlandese che gli aveva già cantato una volta, su un pullman, poco dopo l’inizio del loro viaggio insieme.


Commenti

  1. Uhm.... Paula ritorna come Alessandra oppure si reincarna in Luisa? Ricordo che ad un certo punto gli occhi di Luisa csmbiano...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Acquetta, cara Patricia. In realtà Paula è... non posso dirlo ancora, perché sarebbe un mega-spoiler ^^

      Elimina
    2. Aggiungo comunque che in questo stesso post c'è un indizio importante sul ritorno di Paula.

      Elimina
  2. Ti credo Ivano. Lo rileggerò con calma stasera. Oggi ho pochissimo tempo,

    RispondiElimina
  3. Gli Aristogatti è uno dei miei cartoni animati preferiti. La scena che menzioni la ricordo benissimo, ed è proprio così come la descrivi, con lei che guarda sognante il gattone randagio che sta arrivando.

    Per il resto, sono d'accordo con Pat: Paula sarà poi la reincarnazione di Luisa... ma a questo punto devo aspettare anch'io il responso con il prosieguo della storia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo ripetermi: acquetta. Le cose sono un po' diverse da così. Per arrivare a un inizio di soluzione, bisogna sommare una delle pagine finali della prima parte a una frase detta in questo post ;-)

      Elimina
  4. La citazione de Gli Aristogatti è un autentico spasso e provoca un’eccellente discordanza con l’atmosfera della scena. Attendo con inquietudine il seguito ;-) :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto bene, Clementina: discordanza. Troppo spesso in narrativa tutto oscilla intorno a un tracciato lineare da cui ci si discosta pochissimo. Il che appiattisce un po' tutto. Anche in musica è la dissonanza a tener desta l'attenzione ^^
      Il seguito arriverà, ma con il solito ritmo. Ci sono altri tre-quattro post inframezzo ;-)

      Elimina
  5. Ma Paula ragazza... shhhhh! Come faccio a commentare col rischio di fare spoiler? :P Non ho risolto l'enigma, ma secondo me...

    RispondiElimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks

Vikings S03 E07-10: La presa di Parigi

Insieme Raccontiamo 17: Omaggio a Malpertuis

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia