Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Solve et Coagula - Pagina 134





Parte seconda - Capitolo 1 /6


«Potrei salutare la signorina Susi prima di andarmene?».
Miss Wilkins lo guardò stupefatta.
«Sa che lei è proprio un bel tipo? Le ho detto appena ieri che la signorina è in ferie. E all’estero… in crociera nel Mediterraneo o qualcosa del genere. Beata lei, potrei dire, se a me interessasse qualcosa di viaggiare” concluse scrollando le spalle.
«Ma io l’ho vista. Mi ha assistito per un intero pomeriggio, appena due giorni fa» replicò Massimo con forza.
«Si è sognato tutto. Lo dice anche il dottore…».
«Cioè? Che cosa dice anche il dottore?».
«Che le ci vorrà ancora un po’ di tempo per tornare a separare bene il sogno dalla realtà».
«Separare il sogno dalla realtà, eh? E questo come lo spiega» e le allungò il blocco da disegno con il suo ritratto di Paula Susi.
«Lo ha fatto lei?» esclamò la donna. «E’ davvero bravo e mi spiace doverla deludere, ma questa non è per niente Paula Susi».
«Allora deve essere un’altra delle infermiere. Io l'ho vista!» protestò Massimo, nel frattempo che miss Wilkins continuava a studiare il disegno, assumendo un’aria sempre più perplessa.
«Cioè» aggiunse la donna dopo una breve riflessione, «è vero che la bocca e il naso potrebbero essere i suoi, e, perché no,  anche gli occhi… ma ammetterà che la forma del viso è molto strana. Poco umana, mi viene da dire».
Quelle due parole, “poco umana”, risvegliarono in Massimo la sensazione esatta che aveva provato nel momento in cui aveva visto dal vivo Paula Susi. Aveva subito notato qualcosa di insolito in lei, ma senza poi riuscire a definire a livello intellettuale in cosa potesse esattamente consistere quell’insolito. Sembrava tuttavia esserci riuscito a livello intuitivo, attraverso il disegno, come dimostrava la reazione di miss Wilkins e come lui stesso si rendeva adesso conto.
Rimaneva in ogni caso da stabilire cosa ci fosse davvero all'origine del disegno, dal momento che, poco ma sicuro, lui non aveva mai avuto nulla a che fare in vita sua con miss Susi. A meno che…
«Quando sono stato trasportato qui da Dunwich, Paula Susi era ancora in servizio?» chiese ansioso all'infermiera.
Miss Wilkins lo guardò, e subito fu evidente a Massimo, dal percettibile sollievo che vide affiorare nei suoi occhi, che era a sua volta soddisfatta di quell’intuizione del suo assistito.
«Ma certo» esclamò. «Ricordo benissimo che era dall’altro lato della barella, mentre la stavamo trasportando nella sala di rianimazione. Credo sia andata in ferie il giorno successivo. Così si spiega tutto: una parte di lei doveva essere ancora cosciente di quello che aveva intorno, prima che la facessero entrare nel coma farmacologico».
Massimo annuì pensieroso. «Deve essere andata proprio così. Ma…» fece una breve pausa prima di continuare, chiedendosi se non si stesse spingendo troppo oltre. «Sa dirmi quando è previsto che miss Susi rientri in servizio?».
La nurse scosse di nuovo la testa e Massimo pensò che stesse per ripetergli la frase con cui lo aveva blandamente rimproverato solo pochi minuti prima… Ma lo sa che lei è proprio un bel tipo?
Gli disse invece altro. «Ma perché non si mette l’anima in pace e si lascia dietro le spalle tutta questa brutta storia? Anzi, fossi in lei io di quella specie di ritratto farei tanti pezzettini».



Commenti

  1. Suspense! Non so più che pensare :D Paula Susi è effettivamente l'infermiera e la "creatura", oppure... o.O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oppure la visione sotto l'effetto della droga? Bella domanda eh... con Ivano poi non si sa mai cosa dire perchè per mio conto,legge i nostri commenti e se arriviamo a capire cosa vuol scrivere lui, lo cambia :)))) ahahahahah
      E' una battutaccia lo so!!!! Perdonooooooo!!!

      Tornando seria, Glò, per mio conto in quel preciso momento realtà e irrealtà sono entrate bruscamente in contatto, Forse la droga. Comunque si sono mescolate.
      Massimo avrà di certo visto un'infermiera ma le ha dato lineamenti non suoi ma bensì della sua visione.
      Che ne dici? O aspettiamo il boss per sapere se ho ragione o no?

      Elimina
    2. Il "boss" su Paula Susi ne sa poco più di voi due, care appassionate lettrici. Eppure, pensando alla pronuncia del nome in inglese, qualcosina di lei dovrebbe trapelare... urka, stavolta mi sono sbilanciato di brutto ^^

      Elimina
    3. E come si legge? Pola Siusi?
      Embè? :O)

      Elimina
    4. Vedi, che ci sei quasi...? :O

      Elimina
    5. o.O ma è roba vedica??? Io son rassegnata stavolta :P

      Elimina
    6. Pohjola? Il luogo mitico fontr drl male? O qualche divinità maligna?

      Elimina
    7. Va beh. Già faccio errori col pc figurati col cellulare

      Elimina
    8. E se Paula Susi e la misteriosa Pohjola apparsa solo di nome nella prima parte fossero la stessa persona...?

      Elimina
    9. Era proprio a quello che mi riferivo..
      Il disegno mostrato da Massimo a Luisa è senz'altro questo.
      Pohjola.. non era quella che lo cercava sul cellulare o il cui nome compariva comunque sul cellulare? Tornata dalle presunte vacanze si è fatta viva con lui e lui è andato a raggiungerla...
      E se non è così, ti ho suggerito una prosecuzione alternativa :)))))

      Elimina
    10. Come sarebbe a dire "tornata dalle presunte vacanze"? In questo inizio di seconda parte siamo nell'estate del 1985, quando Luisa ancora non era neppure nata, e di là eravamo nel febbraio 2013 :O Ventotto anni di ferie? mumble... mumble...

      Elimina
    11. maledetti numeri ahahhahahahahaha eliminarli! Ufff... ahahahah

      Allora correggo così.
      Dopo tanti anni Pohjola si rifà viva con Massimo e lo chiama. Lui corre!!!!! Oppure erano sempre stati in contatto e quando Massimo sparisce è perchè Pohjola lo ha portato a vedere il suo regno....
      Lo so! Mi arrampico sugli specchi :)))

      Elimina
    12. La storia dei rapporti tra Massimo e Paula/Pohjola è appena agli inizi... vedremo cosa succederà ^_-

      Elimina
  2. Le carte si ingarbugliano e più si mescolano più cresce la curiosità. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qua tutto manca fuorché gli ingarbugliamenti, ahahah. Grazie Annalisa :)

      Elimina
  3. "Poco umana"? Se fossimo a Innsmouth invece che a Dunwich, avrei una mezza idea di cosa potrebbe voler implicare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma le assonanze con Lovecraft nella mia storia sono davvero solo casuali. Il materiale relativo alla parte fantastica proviene in linea di massima dalle mitologie nordica e mediterranea. Con una puntatina in Africa nel caso dei Dogon.

      Elimina
  4. Risposte
    1. Grazie Giulia :))
      Vediamo che ci porta la prossima puntata... è sempre un po' una sorpresa anche per me ;D

      Elimina
  5. L'invito dell'infermiera a fare a pezzettini il disegno mi insospettisce. Continuo a insistere nella mia teoria, cioè che questi personaggi fintamente bonaccioni sono i più temibili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla... per la signora Wilkins garantisco io. E' a posto. ;-)

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Vikings S03 E07-10: La presa di Parigi

Black & White & Sex Talks

Insieme Raccontiamo 17: Omaggio a Malpertuis

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia