Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Solve et Coagula - Pagina 43





Capitolo 4 - parte 5


Finché aveva abitato con suo padre, Luisa aveva avuto a disposizione oltre tremila pezzi tra dischi di vinile e compact disk e si poteva dire che il suo svezzamento fosse stato a base di omogeneizzati e Rolling Stones, purea di frutta e Pink Floyd, biscotti sciolti nel latte e Björk. Aveva se non altro goduto del privilegio, anni dopo, di salvarsi da tutte le possibili infatuazioni per quei gruppetti di musica prettamente adolescenziale di cui cadevano regolarmente vittima le sue amiche e compagne di scuola.
Le sue possibilità di spaziare da un gruppo musicale all’altro, da un rocker all’altro, si interruppero però giocoforza quando, dopo aver ereditato l’appartamento dalla nonna, andò a vivere da sola. Senza tuttavia che lei vivesse mai la cosa come un vero problema dal momento che la sua predilezione era da sempre la lettura.
Il suo stato d'animo del momento la fece comunque decidere, in quel plumbeo pomeriggio di febbraio, per l’ascolto di Mechanical Animals di Marilyn Manson. Era l’unico cd che possedeva di quel cantante ed era da molto tempo che non lo ascoltava. Ma doveva anche essere, nelle sue intenzioni, una sorta di pre-immersione nell’ambiente del Ragnarock. E anche se era certa che, indipendentemente dai suoi sforzi, non sarebbe mai riuscita a mimetizzarsi completamente in quel locale, ci avrebbe comunque provato.
Ma, strano a dirsi, già i primi minuti di quella musica ebbero su di lei un misterioso e imprevisto effetto rilassante e brani di particolare bellezza come The Speed of Pain e Fundamentally Loathsome le sembrarono addirittura funzionare da veri e propri toccasana. Con il risultato, alla fine, che uscì dalla stanza in condizioni decisamente migliori di quando vi era entrata e nello spirito giusto per prepararsi la cena.

Tutto a posto, constatò al termine di una rapidissima ricognizione: Alessandra in quel momento non rappresentava un problema per lei e probabilmente non lo avrebbe rappresentato mai più. Le sue dovevano essere state risposte da stress eccessivo, si disse, e per quanto ne sapeva, poteva perfino essersi immaginata la faccenda del liquido verde e tutto il resto. Perché non trovava i vuoti dei succhi nel cestino apposito? Facile: perché Alessandra usciva di casa due o tre volte al giorno e si portava dietro i suoi rifiuti.
Luisa si riscosse dalla sua immobilità carica di riflessioni solo nel momento in cui si trovò davanti la sua inquilina, appena uscita dalla cucina. Si aspettava di vederla passare accanto a sé con passo rapido come faceva di solito, invece, stranamente, si fermò. Solo allora si rese conto che la ragazza aveva qualcosa in mano: un piatto con due uova sode sgusciate.

* * *

(Il dedalo delle storie, 1 novembre 2013)

>> Pagina 44

Commenti

  1. Beh! La svolta rock mi piace moltissimo!!! Belli i due brani, e fantastici gli artisti citati! *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha! E subito dopo c'è, collegato, l'omaggio a Bataille ^_-

      Elimina
  2. Ammetto di essere obsoleta in quanto a gusti musicali. Ma rimedierò. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In origine il post conteneva anche i file audio dei due brani di Manson, ma poi li ho tolti. Potrei sempre rimetterli...

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks

Vikings S03 E07-10: La presa di Parigi

Insieme Raccontiamo 17: Omaggio a Malpertuis

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia