Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2021
Questo sito utilizza cookie di Google e di altri provider per erogare servizi e analizzare il traffico. Il tuo indirizzo IP e il tuo agente utente sono condivisi con Google per le metriche su prestazioni e sicurezza, per la qualità del servizio, generare statistiche e rilevare e contrastare abusi. Navigando nel blog accetti l'uso dei cookie e il trattamento dati secondo il GDPR. Per maggiori dettagli leggere l'Informativa estesa.

Assenza

Immagine
  Di' loro Non sono qui Di' loro Non c'è nessuno qui Tornerò tra cinquecento milioni di anni Shinjiki Takahashi * * * L'immagine di apertura del post è un dipinto del maestro Zen Sengai.

Il poeta e il traduttore [Re-Edit]

Immagine
Nota: Questo post è apparso in origine nel 2012 sul mio primo blog, Power Spot , con il titolo  La lettera sull'Invisibile di Rainer Maria Rilke . Alcune citazioni della lettera oggetto del post sono già apparse in questo blog nella serie (anch'essa in attesa di revisione) Rilke e Hopper tra visibile e invisibile , ma penso sia tempo ora di riproporne il testo nella sua interezza, come esempio di percezione e comprensione del reale (la caratteristica di cui più difetta in assoluto questo "secolo" oramai alla fine). 1. Introduzione "Nascosta" tra le note di commento, alle pagine 644-647 di Poesie 1907-1926, un volume pubblicato da Einaudi nell’anno 2000*, figura un testo a mio avviso straordinario, che meriterebbe di essere incluso in ogni esaustiva antologia della mistica occidentale, accanto alle pagine di Hildegard von Bingen, Jacob Böhme o Emanuel Swedenborg: una  lunga lettera indirizzata da  Rainer Maria Rilke  in data 13-XI-1925 (quindi un anno circa