Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2018
Questo sito utilizza cookie di Google e di altri provider per erogare servizi e analizzare il traffico. Il tuo indirizzo IP e il tuo agente utente sono condivisi con Google per le metriche su prestazioni e sicurezza, per la qualità del servizio, generare statistiche e rilevare e contrastare abusi. Navigando nel blog accetti l'uso dei cookie e il trattamento dati secondo il GDPR. Per maggiori dettagli leggere l'Informativa estesa.

The Studio Section One - Barry Smith /7

Immagine
Nonostante alla Marvel la preoccupazione principale rimanesse il fare cassa, perdere  Barry Smith , che da questo punto di vista incideva poco o niente, non fu comunque del tutto indolore. Stan Lee , che sapeva pur riconoscere un talento artistico quando gliene ne capitava uno sottomano, l'avrebbe voluto a vita nella sua casa editrice, e la nuova rivista, Savage Sword of Conan , nasceva già orfana del suo nome più prestigioso. Unica soluzione possibile, in mancanza di alternative, si rivelò dare avvio a una serie di recuperi - un paio dei quali veri e propri contentini - il cui primo atto consistette nella pubblicazione, nel numero 3 di  Savage Sword  del dicembre 1974, di una selezione di otto pagine tratte da un progetto abortito del duo Thomas-Smith: un paperback a fumetti dedicato alla giovinezza di un altro personaggio nato come Conan dalla penna di Robert Ervin Howard,  King Kull . Il progetto, come appare subito chiaro dai disegni, risale al periodo iniziale della c

The Studio Section One - Barry Smith /6

Immagine
Nota introduttiva : Pochi giorni fa la  Section Six  di  The Studio  è giunta al suo epilogo con il post numero 10. Nel frattempo ho anche pubblicato un nuovo post, l'undicesimo, della Section Three dedicata a Bernie Wrightson . Mi mancava ancora, per chiudere il discorso per il 2018, un ultimo capitolo relativo alla  Section One  su  Barry Smith . Diviso in due parti unicamente per ragioni di lunghezza, la parte che presento in questo primo post riprende e approfondisce elementi già trattati in precedenza, ma che ritengo necessario riproporvi come premessa al seguito dell'articolo. * * * A dispetto della sua crescente insofferenza per il modo di operare della Marvel (date di consegna, tempi di pagamento... quasi tutto, temo) Barry agì sempre da consumato professionista per tutto il tempo della nostra collaborazione all'adattamento delle storie barbariche di Robert E. Howard. In compenso, il crescente impegno che lui metteva in ogni albo stava avendo un cos