Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2020
Questo sito utilizza cookie di Google e di altri provider per erogare servizi e analizzare il traffico. Il tuo indirizzo IP e il tuo agente utente sono condivisi con Google per le metriche su prestazioni e sicurezza, per la qualità del servizio, generare statistiche e rilevare e contrastare abusi. Navigando nel blog accetti l'uso dei cookie e il trattamento dati secondo il GDPR. Per maggiori dettagli leggere l'Informativa estesa.

L'Estate dei Fiori Artici - Indice dei nomi, delle opere e dei personaggi

Immagine
N.B. Copertina (molto) provvisoria Come già sa, o dovrebbe sapere, chi segue la mia pagina Facebook L'Estate dei Fiori Artici , ad agosto ho decretato terminata la revisione del mio primo romanzo (leggi: primo che porto a termine): una scelta non facile da prendere, ma neanche, si può dire, difficile. E' stata semplicemente inevitabile, una volta constatato che insistere nel voler perfezionare il testo minacciava di farsi deleterio. Per me senza dubbio ma anche probabilmente per il testo stesso. Toccherà in ogni caso ai lettori il giudizio finale, tra breve, quando l' e-book  sarà in circolazione. In questi ultimi due mesi mi sono invece dedicato all'impaginazione del romanzo, producendone tre differenti versioni: una e.pub e due Word, di queste ultime una senza numeri di pagine e con margini omogenei e l'altra con i numeri di pagine e i margini differenziati (stile cartaceo, in altre parole). Questo perché è la prima volta che mi cimento in una autopubblicazione

Chi è Piero Angela [Guest-post]

Immagine
Introduzione di Ivano Landi Credo di essere uno dei pochi, in Italia, a non aver mai subito il fascino del vate dei divulgatori scientifici nostrali, Piero Angela , divenuto un'icona del piccolo schermo quando io avevo ormai raggiunto una certa età e la mia visione dell'essere umano e del mondo tutto (microcosmo e macrocosmo) era già molto lontana da quella da lui propagandata. Ho comunque seguito abbastanza a lungo le sue trasmissioni, e avuto ampio modo di accorgermi, nel tempo, del suo ruolo di addetto (forse nel senso letterale del termine) alla salvaguardia dei modelli scientifici, e più in generale culturali, dominanti e di omologatore e livellatore della cultura di massa italica. Per questo non mi sono stupito più di tanto quando ho trovato riportate sul sito di Orizzonte scuola , e presumo quindi che le abbia dette davvero, queste parole: "Serve l'esercito in strada che chieda il rispetto delle distanze e intimi ai cittadini di indossare la mascherina. Non biso