Questo sito utilizza cookie di Google e di altri provider per erogare servizi e analizzare il traffico. Il tuo indirizzo IP e il tuo agente utente sono condivisi con Google per le metriche su prestazioni e sicurezza, per la qualità del servizio, generare statistiche e rilevare e contrastare abusi. Navigando nel blog accetti l'uso dei cookie e il trattamento dei dati secondo il GDPR. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Solve et Coagula - Pagina 94





Capitolo 8 - parte 4


Ascoltare dalla voce di suo padre il resoconto in prima persona di quel che gli era accaduto nell’estate del 1985, poco più di un anno prima che lei nascesse, fu ben diverso per Luisa che ascoltare le confessioni di errori giovanili, veri o presunti, che ogni tanto lui si sentiva in dovere di fare.
Tutto era cominciato, nelle sue parole, nel momento in cui si era stabilita in lui la famosa connessione tra il racconto e il brano di musica, il resto era seguito, si può dire automaticamente. Pochi giorni dopo prese l’Atlante Geografico e si mise a cercare Dunwich sulla cartina d’Europa. Chissà perché, si era convinto di dover cercare in Irlanda, ma non ci mise molto a scoprire che Dunwich era in realtà un paesino di un migliaio scarso di anime situato sulla costa del Suffolk, una provincia dell’Inghilterra sud-orientale. Ma quello era un dettaglio secondario; la cosa importante fu che tra l'istante di quella verifica e l'insorgere in lui del desiderio di visitare di persona la regione trascorsero sì e no una decina di secondi. Sarebbe stato, decise, nell’estate seguente, subito dopo la conclusione della scuola di infermieristica che stava frequentando.
Cominciò poi, fin da subito, la ricerca di un compagno di avventura, che trovò molto presto in Maurizio, un amico che aveva conosciuto all'inizio delle superiori e che da allora non aveva mai smesso di frequentare. Luisa aveva allora chiesto a suo padre perché non avesse deciso di andarci piuttosto con la mamma, e lui le aveva risposto che in realtà a quei tempi non c’era ancora nulla di serio tra loro e che la possibilità di condividere quel viaggio con lei non gli aveva attraversato la mente neppure per un istante.
Si era messo invece subito a organizzare con l'amico i dettagli del viaggio, cominciando, come prima cosa, dallo studio dell'itinerario che avrebbero seguito a cavallo della sua vecchia Prinz.

* * *

«Sarà forse il suo ultimo viaggio» disse Massimo in un giorno dei tanti che precedettero la partenza, mentre continuava ad accarezzare il tetto della macchina, «ma sarà anche il suo più eroico».
Come reazione sollevò un bel po' di sghignazzi nella platea di amici che si era radunata nel suo garage. «Eroico un cavolo!» replicò scettico uno di loro. «Secondo me questa carretta non vi porterà da nessuna parte. Il motore ci lascerà le penne ben prima del vostro arrivo in Inghilterra».
«Questa carretta, come la chiami tu, è virtualmente immortale» insistette Massimo. «E ti assicuro che volendo potremmo farci andata e ritorno da qui a Capo Nord senza problemi».
«Sarà anche come dici tu, ma come ti ho detto io ci salirò sopra solo dopo che l’avrai portata in officina per una revisione con i fiocchi. E sappi che non mi accontenterò delle tue parole ma vorrò vedere la lista di tutte le riparazioni fatte». Era stato il suo futuro compagno di viaggio, Maurizio, a parlare stavolta.
Massimo allora colpì, ridendo, l’amico con un paio di finti pugni alla spalla e allo stomaco. «E la vedrai, miserabile miscredente, la vedrai la tua lista».


Commenti

  1. Virtualmente immortale! :°D
    Si parte, allora!
    Vediamo cosa ha scoperto a Dunwich il padre di Luisa, sento sempre come se qualcosa di oscuro sorvolasse sopra tutti questi personaggi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E senti bene, Alessia! Qualcosa di oscuro percorre tutte le pagine e piano piano si arriverà a capire cosa. Il viaggio del padre di Luisa intanto darà il suo contributo ;D

      Elimina
  2. Il resoconto del padre di Luisa mi ha ricordato i "Diari della motocicletta": quel film sulla giovinezza di Che Guevara e sul viaggio con l'amico Alberto Granado attraverso l'America Latina a bordo di una scalcinata motocicletta (peraltro soprannominata "la Poderosa").

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il progetto di andarci con la Prinz era davvero nell'aria quell'estate, poi cambiammo idea e ci affidammo al treno.

      Elimina

Posta un commento

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Gli utenti possono eliminare i commenti che hanno inserito. A una eliminazione definitiva provvederà direttamente l'amministratore del sito nel minor tempo possibile. Gli estremi dell'account saranno memorizzati per facilitare commenti successivi.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Vikings S03 E07-10: La presa di Parigi

Non ho dimenticato... Alessandro Momo (parte 1 di 2)

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks

Non ho dimenticato... Alessandro Momo (parte 2 di 2)