Questo sito utilizza cookie di Google e di altri provider per erogare servizi e analizzare il traffico. Il tuo indirizzo IP e il tuo agente utente sono condivisi con Google per le metriche su prestazioni e sicurezza, per la qualità del servizio, generare statistiche e rilevare e contrastare abusi. Navigando nel blog accetti l'uso dei cookie e il trattamento dati secondo il GDPR. Per maggiori dettagli leggere l'Informativa estesa.

Il regno di ERB: The Greatest Adventure /5

 


Conviene ora, prima di aprire ufficialmente il sipario sulle pagine iniziali di The Greatest Adventure, tirare un po' le somme e ricordare che ciò che voluto fare, con gli ultimi quattro post* di questa serie dedicata a Meriem, "la prima tarzanide", è stato soprattutto introdurre il personaggio di Jason Gridley, destinato a giocare un ruolo da protagonista nei nove comic-books che compongono la miniserie. Perciò ho voluto raccontare nel dettaglio sia la sua origine all'interno del ciclo di Pellucidar (in Tanar of Pellucidar), sia le circostanze del suo ingresso nel ciclo di Tarzan (in Tarzan at the Earth's Core). Cosa questa che mi ha anche permesso di fornire degli esempi tradotti della scrittura di Edgar Rice Burroughs, di mostrare alcune sue invenzioni letterarie come l'onda di Gridley, l'harbenite e il dirigibile 0-220, e infine di offrire un rapido affresco di Pellucidar, uno dei più importanti mondi immaginari dell'universo di Burroughs, che farà da scenario, insieme a vari altri, a quel grande gioco a incastro che è The Greatest Adventure.

* Il regno di ERB: The Greatest Adventure /1 Il regno di ERB: The Greatest Adventure /2Il regno di ERB: The Greatest Adventure /3Il regno di ERB: The Greatest Adventure /4.

Invitato da una fantomatica associazione accademica a tenere, nella loro sede, una conferenza pubblica sulle caratteristiche dell'onda che porta il suo nome, all'inizio di The Greatest Adventure Gridley si  ritrova in realtà rapito e portato prigioniero in una terra ricoperta dal ghiaccio che i suoi rapitori dicono chiamarsi Karis.


Come mostrato nella mappa, Karis è la più
remota e settentrionale delle terre di Poloda.
E qui entra in gioco il primo dei mondi immaginari di Edgar Rice Burroughs citati nella miniserie: Poloda, il pianeta al centro del romanzo di fantascienza Beyond the Farthest Star. Ma poiché non viene fatto il nome Poloda, diventa subito chiaro qual è il gioco con cui lo sceneggiatore della serie, Bill Willingham, vuole intrattenere i lettori: io dissemino la storia di tutti i frammenti possibili dell'universo letterario di Burroughs e vediamo quanto siete bravi voi a individuarli. Non a caso, poco dopo Willingham fornisce un indizio chiave, facendo dire ai rapitori di Gridley che lo hanno trasportato in un "mondo situato più lontano di qualsiasi stella lui conosca". E se vi sono riusciti, è perché dispongono di una enorme nave spaziale, molto più grande dello 0-220, chiamata Resolve, in grado di compiere viaggi interstellari con estrema facilità e rapidità.
Quello che i rapitori vogliono da Gridley, è che lui implementi con le proprietà della sua onda degli apparecchi tecnologici importati da almeno tre mondi diversi, così da realizzare una nuova, potentissima arma. Nel fumetto sono citati un apparato per la visuale remota proveniente da Barsoom e un T-ray preso su Amtor, nomi questi che chiunque conosce almeno in parte l'universo letterario dello scrittore americano sa corrispondere ai pianeti Marte e Venere, rispettivamente patria di adozione e terreno di avventure di due ex terrestri: John Carter, Signore della Guerra di Marte, e Carson Napier, altrimenti conosciuto come Carson di Venere. 
In un impeto di ribellione, Gridley distrugge su Karis l'apparecchio per l'onda che porta il suo nome, e obbliga così i suoi rapitori ad anticipare il loro ritorno sulla Terra, per far sì che lo scienziato fornisca loro un nuovo apparecchio. Ma una volta che il Resolve si è avvicinato abbastanza alla Terra, lui si impossessa di uno dei numerosi piccoli aeroplani da combattimento in dotazione alla gigantesca nave e fugge con l'intenzione di raggiungere la California. Per essere però costretto a un atterraggio di emergenza nei pressi della tenuta africana di Lord e Lady Greystoke (Tarzan e Jane), che lo soccorrono.
Si tratta ora, prima di ogni altra cosa, di impedire che i villains mettano le mani su un nuovo apparecchio, e per farlo Gridley, Tarzan e Jane devono precederli in New Mexico, in uno dei luoghi segreti dove lo scienziato ha nascosto uno dei due apparecchi presenti sulla superficie terrestre (il terzo si trova in Pellucidar, al centro della Terra). Per riuscirci, il ricchissimo Tarzan (che attinge liberamente al tesoro segreto della città perduta di Opar) affitta un aereo tutto per loro. Ma poiché c'è anche da sabotare i loro piani in generale, a questo scopo Gridley conta di allestire una nave in grado di competere con il Resolve, modificando una preesistente nave marziana che fa venire direttamente da Barsoom. Alla sua guida, direttamente dal  ciclo marziano di John Carter, c'è l'ex capitano dell'esercito statunitense Ulysses Paxton.
Manca così solo da organizzare un equipaggio in grado di affrontare i pericoli che li aspettano, e a questo scopo Tarzan mette un annuncio su un giornale nazionale: cercasi uomini d'avventura.


Rispondono all'appello, nel corso dei tre giorni richiesti dalle modifiche alla nave marziana, una dozzina di personaggi, che vanno ad aggiungersi a Tarzan, Jane, Gridley, Paxton, Korak e Meriem. Alcuni di loro sono già conosciuti da Tarzan, la maggioranza no, ma provengono tutti da opere di Edgar Rice Burroughs.

Vediamoli nell'ordine:

Billy Byrne, sorta di Tarzan urbano operante a Chicago noto come "The Mucker", protagonista dell'omonimo libro di Edgar Rice Burroughs, The Mucker (1914-1916)

Bridge, avventuriero americano protagonista del seguito di The Mucker, The Oakdale Affair (1918).

The Oskalooska Kid, un malfamato pistolero, anch'egli tra i protagonisti di The Oakdale Affair.

Barney Custer, avventuriero e maestro di spada residente in Beatrice, Nebraska. Protagonista del romanzo The Mad King (1914-1915), nel cui finale sale sul trono di Lutha, un immaginario Stato dei Balcani incuneato tra Bosnia, Montenegro e Serbia.

Victoria Custer, sorella di Barney Custer e protagonista del romanzo The Eternal Lover (1914-1915), che inizia proprio nella tenuta africana dei Greystoke, dove lei e il fratello sono alloggiati nel corso di una vacanza-avventura nel continente nero.

Jim Stone, uomo delle caverne riportato in vita e divenuto un moderno wrestler e stella del cinema. Dal romanzo The Resurrection of Jimber-Jaw (1937).

Townsend Harper, protagonista di The Monster Man (1913, 1929).

Virginia Maxon, compagna di Townsend Harper e protagonista femminile di The Monster Man.

Johnny LaFitte, discendente del pirata Jean LaFitte (1870-?), fa ritorno ai mari del suo avo in cerca di avventure. Dal romanzo Pirate Blood (1932).

The Rider, brigante mascherato dall'identità segreta. Dal romanzo omonimo (1918).

Shannon Burke, aspirante starlet del cinema con il nome d'arte di Gaza de Lure. Da The Girl from Hollywood (1922).

Julian the Second, seconda incarnazione delle oltre venti di Julian, eroe della trilogia lunare di Edgar Rice Burroughs (The Moon Maid, 1923; The Moon Men, 1925; The Red Hawk, 1925).



Nel frattempo, mentre nave ed equipaggio prendono forma, Gridley ci informa sulla loro missione: mettere le mani prima dei suoi ex carcerieri su un raro tipo di gemma che è l'ingrediente finale della loro arma, capace di annullare le distanze e colpire un qualsiasi bersaglio in un qualsiasi angolo della galassia: l'Occhio del Giudizio.

Nominato Tarzan capitano della missione e battezzata Venture la loro nave, la Grande Avventura ha inizio.



* * *


L'immagine di apertura del post è la parte centrale della copertina A del numero 1 di The Greatest Adventure (Dynamite Entertainment, 2017). Autore: Cary Nord.

Commenti

  1. Gustosissimo per ogni amante di E.R.B...sarà che io conservo gelosamente le vecchie edizioni come quella del John Carter barsoomiano edita decenni fa dalla Nord, ma E.R.B conserva un posto speciale nel mio cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece di John Carter avevo da ragazzetto l'edizione, da edicola, nelle "Opere complete di Edgar Rice Burroughs" della Giunti-Bemporad Marzocco, che ambiva a proporre tutto ERB. Ma ha dovuto arrendersi dopo sedici Tarzan, due John Carter e La terra dimenticata dal tempo.

      Elimina

Posta un commento

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Gli utenti possono eliminare i commenti che hanno inserito. A una eliminazione definitiva provvederà direttamente l'amministratore del sito nel minor tempo possibile. Gli estremi dell'account saranno memorizzati per facilitare commenti successivi.
Tutti i commenti contenenti link per scambio visite o con link che indirizzano a contenuti non attinenti a quanto trattato nei post saranno celermente rimossi dal blog.

Post popolari in questo blog

Non ho dimenticato... Alessandro Momo /2 di 2

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Non ho dimenticato... Alessandro Momo /1 di 2

Vikings S03 E07-10: La presa di Parigi

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Sette opere d'arte per sette poesie

Ivan e Maria (Иван да Марья)