Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Solve et Coagula - Pagina 87





Capitolo 7 - parte 5


«Mi piacerebbe poter condividere la tua visione ottimista della situazione, Fabrizio, Ma ne sono molto lontana» commentò con un’ombra di sorriso.
Poi le venne da chiedersi se Eva Luna lo avesse o no informato circa le sue curiosità sulle Hel. E improvvisamente ebbe un pensiero terribile. E se lei gli avesse raccontato proprio tutto, compreso il suo goffo tentativo di farsi sostituire da Giulia al loro appuntamento? No, si rispose, questo era sotto ogni aspetto un pensiero paranoico, che non valeva neanche la pena prendesse in considerazione. E tuttavia i suoi dubbi si tradussero ugualmente, in un istante, in una domanda che lei senti come scivolare dalle labbra.
«Hai novità sulle Hel?».
La prima reazione di Fabrizio alla domanda fu di un leggero stupore, poi si strinse nelle spalle.
«No. Non ho neppure rivisto Eva Luna in questi ultimi giorni. L’ho soltanto sentita una volta per telefono e abbiamo parlato di altro. Tutto è rimasto fermo alla sera in cui ci siamo incontrati davanti al Ragnarock da questo punto di vista».
«Comunque»  aggiunse mentre passava con lo sguardo dall'una all'altra delle due ragazze, «forse ti toglierai la curiosità già il prossimo mercoledì. Non mi sento di escludere che Eva Luna le faccia suonare a sorpresa prima o dopo la sua conferenza sulle rune».
«Lei ti ha lasciato intendere questo?» domandò Luisa.
Fabrizio scosse la testa. «No, è solo una mia supposizione. Oserei quasi dire una sensazione» aggiunse. E fece seguire alle sue parole una risata bassa e prolungata nello stile che le due ragazze cominciavano a riconoscere come suo tipico. Era tuttavia troppo discreto per fare domande dirette circa l'interesse di Luisa per le Hel e sembrò considerare chiusa la discussione sull’argomento. Luisa decise così di fornirgli spontaneamente una parvenza di spiegazione.
«Mi piacciono i miti e le leggende e l’Edda è uno dei miei libri preferiti in assoluto» disse d’un fiato.
Stavolta lui strabuzzò gli occhi. «Lo stesso vale per me» esclamò. «Pensa che ho perfino cercato di imparare il norreno perché volevo assaporare il suono delle kenningar nella loro lingua. Naturalmente poi mi sono perso per strada, ma ci ho provato davvero!».
«Allora perché non lo hai detto subito?» intervenne Giulia con una nota di rimprovero nella voce. Guardava fisso l'amica, quindi era chiaramente a lei che si stava rivolgendo.
«Che vuoi dire?» le chiese Luisa.
«Voglio dire che mi avevi detto che non avevi nessuna spiegazione da offrire a Eva Luna circa il tuo interesse per le Hel. Ma a quanto pare non è così».
Vero, era andata proprio in quel modo, rifletté Luisa. Eppure lei aveva avuto presente fin dall'inizio che era stato proprio il nome del gruppo musicale, corrispondente a quello della dea degli inferi della mitologia nordica, ad attirare la sua attenzione. A causa però di un misterioso quanto improbabile vuoto mentale, lei non era riuscito a specificarlo nel suo messaggio a Eva Luna. 
«Mi sono perso qualcosa?» disse all'improvviso Fabrizio, all'apparenza dimentico, per una volta, della sua abituale discrezione.
Al che Giulia prima soffocò una risata nel palmo della mano, poi guardò l’amica. «Che faccio? Glielo dico?».
Luisa si sentì allora, per un momento, risucchiare velocemente verso il panico, e pensò anche di alzarsi dalla sedia e bloccare l’amica prima che fosse troppo tardi, poi però ebbe un altrettanto rapido ripensamento. In fin dei conti, si disse, non aveva fatto nulla di così terribile. Mentre avrebbe forse trovato un utile alleato proprio in Fabrizio, con cui dopotutto aveva appena scoperto di condividere una passione rilevante come era per lei quella per L'Edda di Snorri.


Commenti

  1. Ho cercato qualcosa del libro che hai citato,l'Edda di Snorri, e penso che forse potresti dedicarci un post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per la verità è già stato sfruttato molto come tema. Sto però accarezzando da tempo l'idea di un progetto globale sui vichinghi, sui quali ho raccolto una mole enorme di materiale. Il punto è che l'organizzazione di questo stesso materiale mi richiederebbe una altrettanto enorme quantità di tempo :P

      Elimina
  2. Ecco che approdo tra i fiordi della tua blog novel!
    La mitologia norrena non la conosco bene, ma ho riconosciuto qualcosa per via di un videogioco online su cui bazzico spessissimo (Smite) e perché ho un'amica che invece va pazza per l'Edda e me ne aveva parlato tempo fa!

    Sicuramente sarà fra le mie letture future, la mitologia mi è sempre piaciuta moltissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per l'approdo, Alessia :)
      Io non frequento videogiochi quindi non conosco Smite, ma sono contento di sapere che siamo così tanti pazzi per l'Edda.
      Aggiungo che per la verità esistono due Edde: una in prosa che è detta anche Edda di Snorri e una in versi che è indicata spesso come Carmi norreni, oppure come Canzoniere Eddico.

      Elimina
    2. Sì ricordo che lei me ne aveva parlato, ma non ricordo quale delle due abbia letto all'epoca... forse entrambe conoscendola! :°D

      Comunque grazie delle informazioni, ci voglio fare un pensierino! :D
      E prima o poi vedrò di recuperare le scorse pagine della tua novel! :D

      Elimina
    3. Senza dubbio... un vero appassionato deve conoscerle entrambe, perché si sovrappongono solo per una minima parte ;)
      Buona avventura nella mia blog novel... sperando ti piaccia^_^ Tieni anche conto delle premesse, comunque: è in gran parte improvvisata e quasi senza revisione. Per esempio in questi due ultimi post dedicati alla cena in tre, non avevo idea di cosa si sarebbero detti i protagonisti prima di mettermi a scrivere...

      Elimina
  3. Sempre intriganti questi tuoi racconti, colti in ambientazioni sempre diverse ..
    La cosa che mi dispiace non poco , è che ne perdo sempre parecchi e spesso non trovo il filo conduttore..
    Mi perdonerai vero?
    Un bacio serale e nuvoloso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm Ehm... Se leggendo la storia a balzi di canguro, riuscissi lo stesso a mantenere il filo avresti poteri sovrumani, cara Nella. Un abbraccio e buona giornata :)

      Elimina
  4. Mi sa che per Luisa e Fabrizio l'Edda di Snorri si rivelerà un libro del genere: "Galeotto fu il libro e chi lo scrisse..." ^_^

    RispondiElimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks

Vikings S03 E07-10: La presa di Parigi

Insieme Raccontiamo 17: Omaggio a Malpertuis

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia