Questo sito utilizza cookie di Google e di altri provider per erogare servizi e analizzare il traffico. Il tuo indirizzo IP e il tuo agente utente sono condivisi con Google per le metriche su prestazioni e sicurezza, per la qualità del servizio, generare statistiche e rilevare e contrastare abusi. Navigando nel blog accetti l'uso dei cookie e il trattamento dati secondo il GDPR. Per maggiori dettagli leggere l'Informativa estesa.

Tempi ultimissimi



Nelle ultime settimane non ho fatto che pensare alla fine apocalittica del nostro evo. Ho la convinzione che tutto finirà, molto presto, forse addirittura in trenta, quarant’anni; arte, cultura, filosofia – tutto ciò andrà al diavolo. L’Europa non è in coma. Tutto quel che riguarda la nostra epoca (Kali Yuga), crollerà in modo apocalittico. L’Europa sta crepando – di stupidità, di tracotanza, di luciferismo, di confusione. Spero che la Romania non appartenga a questo continente che ha scoperto le scienze profane, la filosofia e l’eguaglianza sociale.

Mircea Eliade a Emil Cioran, 1935*


Oggi torniamo per un momento a parlare di cose serie, seppur sempre collegate al nuovo corso del blog e senza l'approfondimento che l'argomento meriterebbe (magari lo affronterò a schegge, un pezzetto alla volta). Parliamo cioè di Yuga e di uno in particolare, il nostro, denominato Kali Yuga.

Nella cosmologia tradizionale indù gli Yuga sono le quattro età in cui si suddivide un Manvantara, che sono le ere dei successivi Manu e a loro volta le quattordici suddivisioni di un Kalpa, o ciclo maggiore, ossia "lo sviluppo totale di un mondo, vale a dire uno stato o grado dell'esistenza universale"**.

Questi quattro Yuga hanno un equivalente nel mondo greco-latino, costituito dalle quattro età dell'oro, dell'argento, del rame e del ferro, la cui progressione è, proprio come nel caso della tradizione indù, di tipo degenerativo, cioè di tipo opposto alla "fantasia di progresso" (per usare un linguaggio hillmaniano) che caratterizza la nostra cultura.

L'età del ferro, o Kali Yuga, è l'ultima età di questo Manvantara e molto lascia intuire che sia giunta ormai al suo stadio finale. Se uno Yuga è infatti caratterizzato, come nel caso di questo, da una serie di squilibri a cui è possibile far seguire dei "raddrizzamenti", si arriva comunque alla fine a un punto di non ritorno, in cui rimane come unica possibilità un rovesciamento cataclismatico che porti a "nuovi cieli e nuova terra". Niente in ogni caso a che vedere con l'età dell'Aquario e tutta la relativa chincaglieria New Age.

E' anche possibile calcolare la durata esatta di tutti questi cicli di manifestazione, ma il procedimento che vi conduce è piuttosto lungo e complesso, e non può trovare posto qui. Basti quindi dire che fase finale del Kali Yuga è dapprima caratterizzata da una progressiva ascesa del materialismo (Coagula) e poi a seguire, dopo che tale visione materialista ha raggiunto il suo massimo possibile (ogni massimo assoluto si trova al di là dei confini di ogni possibile manifestazione), una ancor più rapida spinta verso la dissoluzione (Solve) che caratterizza l'ultimissima fase del ciclo. E' in questa seconda fase che il tempo raggiunge la sua massima accelerazione, e gli avvenimenti si succedono a un ritmo vertiginoso, fino al suo annientamento finale.*** Possiamo cioè dire, se ci atteniamo a questa antica concezione dell'esistenza, che se fino a pochi decenni fa l'umanità si trovava nei suoi tempi ultimi, adesso si trova nei suoi tempi ultimissimi.



Tempi ultimissimi che Emil Cioran, a differenza di Mircea Eliade, presentì nei termini di una lunghissima e penosa agonia, ma anche, con la sensibilità e l'acume che lo caratterizzava, ridicoli. Difficile tuttavia immaginare che arrivasse a pensarli così esageratamente ridicoli.





* * *


* E.M. Cioran, Mircea Eliade, Una segreta complicità. Lettere 1933-1983. Adelphi, 2019

** René Guénon, Alcune considerazioni sulla dottrina dei cicli cosmici. In: Forme Tradizionali e Cicli Cosmici; Edizioni Mediterranee, 2001.

*** Vedi: René Guénon, Il regno della quantità e i segni dei tempi; Adelphi 1982.

L'immagine di apertura del post è: David Stoupakis, Crimson Queen.

Commenti

  1. Ciao Ivano come stai?
    Madonna che ansia mi fai a leggerti che pensi all’apocalisse…tra quaranta anni o giù di lì.
    Io sicuramente non ci sarò quindi son cazzi di chi resta
    😂 Spero non deciderai di chiudere il blog e spero di rileggerti più “ sereno”.
    Per quel conta a me spiacerebbe se chiudessi perché in verità ti ho sentito parlare di nuovo corso da Obsidian per quanto riguarda il tuo di blog, sinceramente non vedo che dovresti cambiare dal modello che avevi prima .
    La gente ti leggeva e ti lèggerà’ lo stesso al di là delle tue opinioni in materia di vaccino come deciderà di leggerti o meno quando ti esponi con post a tema.

    Che cambia nell’economia del blog?
    Pensaci.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Max, io sto alla grande e spero anche tu :-))
      "Tra quarant'anni o giù di lì" lo scriveva Eliade nel 1935, ma io penso che in realtà oggi i tempi siano molto più ristretti di così.
      In ogni caso, questo tema del Kali Yuga non ha nulla a che fare con il mio stato d'animo o con il nuovo corso del blog, è un tema che studio da quasi quarant'anni e sono appunto quasi quarant'anni che sapevo che in questo periodo ci saremmo trovati più o meno in queste condizioni.
      E' anzi probabile che un articolo del genere lo avrei prima o poi scritto anche con il blog vecchia versione. La differenza è che sarebbe stato più approfondito e dettagliato di questo. E un po' meno velenoso ;-D
      Un abbraccio a te e grazie per il commento :-))

      Elimina
  2. Credo sia ormai ovvio anche per i più distratti che l'attuale civiltà non è affatto progredita, se non da un punto di vista meramente tecnico. Concordo del tutto con quanto hai scritto. E d'altra parte, non può essere un caso che l'attenzione si stia spostando lentamente ma inesorabilmente dalla questione "pandemica" a quella ambientale, anche se ai più sarà ovvio solo quando saremo in lockdown climatico...

    RispondiElimina

Posta un commento

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Gli utenti possono eliminare i commenti che hanno inserito. A una eliminazione definitiva provvederà direttamente l'amministratore del sito nel minor tempo possibile. Gli estremi dell'account saranno memorizzati per facilitare commenti successivi.
Tutti i commenti contenenti link per scambio visite o con link che indirizzano a contenuti non attinenti a quanto trattato nei post saranno celermente rimossi dal blog.

Post popolari in questo blog

Non ho dimenticato... Alessandro Momo /2 di 2

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Non ho dimenticato... Alessandro Momo /1 di 2

Vikings S03 E07-10: La presa di Parigi

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Sette opere d'arte per sette poesie

Ivan e Maria (Иван да Марья)